La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 17 novembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nuovo ospedale di Cuneo, a confronto coi primari

Per i cuneesi è meglio mantenere l'ospedale in città ma il Piano regolatore sembrerebbe dire cose diverse

La Guida - Nuovo ospedale di Cuneo, a confronto coi primari

Cuneo – Si terrà questo pomeriggio l’incontro tra la commissione speciale comunale sul futuro dell’ospedale Santa Croce, diretta dall’ex assessore Alessandro Spedale, e la rappresentanza del collegio dei primari dell’Ospedale Santa Croce di Cuneo, rappresentati da Felice Borghi e Luca Ambrogio.

Mentre la commissione ascolta il dibattito in città e non solo continua, sulla scelta del luogo dove dovrà sorgere il nuovo ospedale: Cuneo o Confreria. Il tempo stringe, secondo le richieste della Regione, e c’è chi vuole chiudere anche il dibattito e il confronto facendo riferimento solo alle indicazioni del Piano regolatore, che indicavano Confreria come il luogo adatto per un nuovo grande ospedale. Per il sindaco Borgna l’importante per ora non è la decisione del posto ma scegliere di procedere davvero.
A pensare che la città sia in ogni caso meglio che qualsiasi altra soluzione sono anche l’ex primario e attuale consigliere comunale di Cuneo per i Beni Comuni, Ugo Sturlese e il presidente del Comitato quartiere Cuneo Nuova, Andrea Odello. Con proposte diverse disegnano una città con l’ospedale dentro.

Servizio completo e le riflessioni di Sturlese e Odello su La Guida in edicola da mercoledì 31 ottobre.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.