La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 20 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Aumentano ciabot e ruderi per non pagare l’Imu

La Guida - Aumentano ciabot e ruderi per non pagare l’Imu

Cuneo – Diminuiscono le abitazioni di “lusso” e crescono gli accatastamenti dei fabbricati come ruderi, ciabot, cascine abbandonate, capannoni scoperchiati, baite di montagna, tutto per non pagare l’Imu. Questi i dati che emergono dalla statistica dell’Agenzia delle Entrate fino a dicembre 2015.Insieme alle abitazioni, rispetto all’anno precedente crescono del 2,4% le unità del gruppo F, in cui confluiscono gli immobili non produttivi di reddito, compresi i ruderi iscritti in categoria F2 (edifici “collabenti”, ridotti cioè allo stato di rudere). Una categoria, quest’ultima, che ha visto un grosso incremento dall’introduzione dell’Imu. Nel 2015 l’aumento è stato del 3,9% ma rispetto al 2011 la crescita sale al +65%. Questi dati includono sia gli immobili ridotti allo stato di ruderi per decisione dei singoli proprietari, non disposti a pagare le imposte previste per un edificio normale, sia quelli per cui gli imprenditori sul lastrico scoperchiano il tetto del capannone, sia quelli ridotti in pessimo stato dalla semplice mancanza degli interventi necessari a mantenerli in buono stato. La rendita catastale di un rudere è ridotta a zero annullando la base fiscale di calcolo delle imposte. In generale l’aumento delle abitazioni registrate in catasto è di circa l’1%: aumentano le classificazioni intermedie A2 e A3, che costituiscono il 70% di tutte le case; calano quelle di lusso, le signorili, le ville e i castelli (A1, A8 e A9).Nel Comune di Cuneo, i ruderi (categoria catastale F2, unità collabenti) sono 58, ma sono ben 11.965 in tutta la provincia. Nel capoluogo le case signorili, categoria A1, sono 56 sulle 216 dell’intero territorio provinciale. Le ville, categoria A8, sono 33 a Cuneo e 277 in tutta la Granda. Nonostante i tanti palazzi del viale Angeli e gli edifici storici di via Roma e piazza Galimberti, in Cuneo non risultano edifici di eminente pregio artistico o storico (categoria A9), mentre ne sono censiti solo 69 in provincia.Servizio completo su La Guida di giovedì 4 agosto, disponibile in versione cartacea e digitale.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.