La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 24 febbraio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Cura il pronto soccorso che il pronto soccorso cura te”

Il messaggio della tavola rotonda conclusiva del  congresso di medicina d’urgenza che si è tenuto a Cuneo ieri

La Guida - “Cura il pronto soccorso che il pronto soccorso cura te”

Cuneo – “Cura il pronto soccorso che il pronto soccorso cura te”. Con queste parole si è conclusa la tavola rotonda che ha chiuso il congresso di medicina d’urgenza, “La medicina d’urgenza in… Granda” che si è tenuto ieri venerdì 24 novembre a Cuneo allo Spazio incontri della Fondazione Crc.
L’imbuto del pronto soccorso, l’appropriatezza degli accessi, ma anche il personale, il ruolo sociale che un servizio fondamentale dell’ospedale Santa Croce e Carle per la città e per la provincia. Di tutto questo e di altro si è parlato al tavolo sul rapporto fra la società civile e la medicina d’urgenza tra la sindaca Patrizia Manassero, il consigliere della Fondazione Ospedale di Cuneo Luigi Salvatico, Massimo Macagno, presidente del Csv, Lorenzo Marino, medico di base e segretario provinciale della Fimmg, la federazione dei medici di medicina generale, e il direttore della medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso Aso Santa Croce e Carle di Cuneo, Giuseppe Lauria. Un confronto che partendo dai numeri, i 63.000 i passaggi al Pronto Soccorso dell’ospedale Santa Croce e Carle ogni anno, che significa una media di 173 persone al giorno di cui 110 sono codici verdi e bianchi, con 40 pazienti visitati  in turno notturno di 12 ore, è arrivato a spiegare quale ruolo ha il Pronto Soccorso in un ospedale non solo in una città. Punto di riferimento per tutti, per le criticità ma anche per le persone fragili, come è stat sottolineato da Macagno del Csv, e per le persone che sanno di poter contare su professionalità e serietà che trovano 24 ore su 24, in una situazione di ansia e di insicurezza che, come ha sottolineato il dottor Salvatico, è soltanto aumentata esponenzialmente con il Covid. Ma la sindaca Manassareo ha parlato anche di responsabilità politica e di necessità di “salvare la sanità pubblica per evitare gli esempi dei pronto soccorsi privati” (vedi l’ultimo caso e il primo in Piemonte a Tortona, ndr), mentre Lauria e Marino hanno sottolineato l’importanza delle rete tra sanità ospedaliera e quella del territorio, tra l’urgenza e l medicina territoriale.
“Il pronto soccorso – ha concluso Lauria – è un bene comune fondamentale che tutti dobbiamo difendere. Ma ci sono due pilastri che sono fondamentali per migliorare ili ervizio: l’organizzazione su cui la sanità fa ancora tanto fatica ed è spesso indietro e l’informazione ai cittadini”.

 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente