La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 20 marzo 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Urgono interventi sull’incrocio di Tetti Pesio

I residenti chiedono provvedimenti per arginare la pericolisità del crocevia

 

Tetti Pesio – I residenti di Tetti Pesio e di Riforano hanno incontrato, martedì 12 marzo, l’ingegnere capo della Provincia Riccardo Enrici e l’assessore con delega all’urbanistica e alle frazioni del Comune di Cuneo Luca Serale, alla presenza del sindaco di Castelletto Stura Battistino Pecollo, della vice Cristina Gandolfo e del consigliere Beppe Bosio, chiedendo interventi urgenti per risolvere l’annoso problema della pericolosità dell’incrocio tra le strade provinciali 310 e 311. Numerosi e frequenti sono, infatti, gli incidenti che si verificano su questo crocevia (ci sono state anche due vittime) a causa della scarsa visibilità e dell’eccessiva velocità dei mezzi.
L’assemblea ha ragionato su possibili soluzioni definitive, come l’installazione di un semaforo, “un intervento molto oneroso – ha detto l’ingegnere Enrici (oltre 200.000 euro) per via dei canali laterali da coprire”. “Il progetto – ha aggiunto – è abbastanza definito e siamo in attesa dei fondi necessari per coprire la spesa”.
Perplessità sulla proposta, troppo costosa, sono state espresse da Osvaldo Pecollo, che ha consigliato “di predisporre le strisce di dissuasori del traffico su tutti i quattro lati dell’incrocio per rallentare l’attraversamento”.
Secondo l’assessore Serale “alla base di tutto c’è il senso civico del guidatore” ed ha concordato sull’aumento delle bande rumorose.
“Cercheremo – ha concluso il sindaco Pecollo – di risolvere l’annoso problema dell’incrocio nei prossimi due anni”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

Redazione | Accessibilità | Privacy Policy

Amministrazione trasparente

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.