La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 10 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Anche Cuneo piange Winnie Mandela, cittadina onoraria

Prima donna cui il capoluogo diede questo riconoscimento, nel 1980, sarà ricordata durante il consiglio comunale di lunedì 16 aprile

La Guida - Anche Cuneo piange Winnie Mandela, cittadina onoraria

Cuneo – Lunedì 2 aprile il mondo ha dato il suo addio commosso a Winnie Madikizela-Mandela, ex moglie di Nelson Mandela, anche lei impegnata nelle lotte contro l’apartheid, nei 38 anni in cui fu al fianco di “Madiba”. Nomzamo Winifred Zanyiwe Madikizela (questo il suo nome completo), classe 1936, era anche cittadina onoraria di Cuneo; fu la prima donna a ricevere questo omaggio. Per questo il Comune la ricorderà nella prossima seduta del consiglio (l’assemblea cittadina è convocata per lunedì 16 aprile).
Il sindaco Federico Borgna ha fatto avere le condoglianze alla famiglia tramite il console generale del Sudafrica a Milano. L’onorificenza cittadina all’ex moglie di Nelson fu conferita dal consiglio comunale con il sindaco Guido Bonino, il 29 marzo 1980. Un modo per riconoscere Winnie testimone solidale per le sofferenze fisiche e morali subite, in segno di amicizia verso una popolazione prevaricata da regimi non democratici; una vicinanza ufficiale della città verso tutti coloro che, nel mondo, soffrono persecuzioni politiche e razziali.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.