La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 10 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Aumentano le imprese “in rosa” rispetto al 2015, ma il saldo 2016 è negativo

La Guida - Aumentano le imprese “in rosa” rispetto al 2015, ma il saldo 2016 è negativo

Cuneo – Sono aumentate le iscrizioni d’imprese femminili in provincia, nello specifico nascono tre aziende al giorno guidate da donne, anche se il saldo è negativo. Sono 1.101 le nuove aziende a conduzione femminile registrate nel 2016, rispetto alle 1.016 del 2015, anche se 1.183 hanno cessato l’attività. Con il risultato che si traduce in un tasso di crescita negativo di 82 unità. Il numero totale delle imprese femminili è di 15.845, il 22,8% del totale in provincia. Una parte importante dell’indotto del territorio.È quello che emerge dai dati della Camera di Commercio di Cuneo, dove l’agricoltura e il commercio rappresentano i principali settori delle imprese “in rosa”. Oltre un terzo delle imprese femminili registrate in provincia opera nel comparto dell’agricoltura, circa un quinto svolge attività commerciali, un’azienda su dieci è impegnata nelle altre attività dei servizi, in cui trovano spazio i servizi alle persone. Anche le attività dei servizi di alloggio e ristorazione e le attività immobiliari assorbono quote importanti di realtà guidate da donne.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.