La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 12 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ordinanza per 22 Comuni del Calso: “Limitate il consumo di acqua”

La Guida - Ordinanza per 22 Comuni del Calso: “Limitate il consumo di acqua”

Dogliani – Il Calso lancia l’allarme. L’anomalo settembre, con poche piogge e temperature in media di almeno 5-6 gradi superiori alla media, ha accentuato il rischio di una crisi idrica. Di qui l’appello sempre più pressante alle amministrazioni comunali dei 22 paesi che fanno parte dell’ Acquedotto Langhe Sud Occidentali a emettere ordinanze per ridurre i consumi d’acqua. “La particolare situazione meteorologica ha determinato una riduzione della portata di sorgenti e pozzi di almeno un terzo rispetto ai normali periodi – spiega Stefano Giffoni, responsabile dell’Ufficio tecnico del Calso -. È indispensabile intervenire, altrimenti si rischia di dover ricorrere a misure più drastiche”. Alcuni dei 22 Comuni che fanno capo all’ente hanno già raccolto l’invito di Marco Botto, presidente del Calso, limitando l’uso dell’acqua al consumo domestico. Ma da Dogliani, sede del Calso, chiedono un impegno corale, esteso insomma a tutti i paesi, proprio per evitare, perdurando il periodo di magra delle precipitazioni, di dover ricorrere a possibili sospensioni dell’erogazione.“Confidiamo sul senso di responsabilità di tutti, a cominciare dai cittadini, perché si eviti di sprecare l’acqua” spiega Botto. Il Calso attraverso una rete di 500 chilometri di condotte, allacciate a dieci sorgenti e nove pozzi, serve diecimila utenze in un ambito territoriale che da Monforte si estende a Montezemolo, da Carrù a Bonvicino. “Siamo impegnati anche nella ricerca di nuove sorgenti per potenziare ulteriormente la portata totale che per ora ammonta a un milione 400 mila metri cubi d’acqua ogni anno – aggiunge il presidente -: ma questo è un progetto in divenire. Nell’immediatezza, serve maggior parsimonia nell’uso dei rubinetti”.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.