La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 2 marzo 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nocciole, siccità e scarsa produzione mettono a rischio la Gentile

L'allarme lanciato dalla Cia regionale per le nocciole tradizionali piemontesi, l'Igp basata sulla Trilobata finisce ai margini di un mercato ormai globale

La Guida - Nocciole, siccità e scarsa produzione mettono a rischio la Gentile

Cuneo – È un allarme che tocca con forza anche la Granda, quello lanciato dalla Cia piemontese: nell’incontro tenuto nella mattinata di oggi (lunedì 4 settembre) la giunta regionale di Cia Agricoltori italiani ha espresso “forte preoccupazione per la situazione del mercato delle nocciole tradizionali piemontesi, che si trovano ad affrontare una crisi senza precedenti”.
“La siccità e il sensibile calo delle produzioni – osserva il presidente regionale di Cia Agricoltori italiani del Piemonte, Gabriele Carenini – stanno mettendo fuori gioco la coltivazione della Nocciola Igp Piemonte, con gravi rischi per le aziende agricole che in questi anni hanno investito in questo settore. Il clima siccitoso e straordinariamente caldo ha mandato in sofferenza le piante, riducendo la produzione fino al 30-40% rispetto alle altre annate. Il prezzo è diventato insufficiente a remunerare le spese, serve un aumento delle quotazioni di almeno il 30%, altrimenti molti impianti finiranno fuori mercato”.
In particolare, sul fronte del prezzo Cia Piemonte giudica come un pessimo segnale il fatto che alla tradizionale Fiera della nocciola di Castagnole quest’anno non sia emersa l’indicazione delle quotazioni di mercato: “Vuol dire – spiega Carenini – che il mercato non è più locale, ma globale e che quindi non si sa chi determini le quotazioni. Per le aziende piemontesi che coltivano la Tonda Gentile Trilobata, una quotazione “globale” non è accettabile, perché non tiene conto delle particolari qualità e condizioni di produzioni di questa pregiata varietà di nocciole, che notoriamente non ha rese elevatissime e non può competere con le varietà da produzione intensiva. Se non raggiunge una quotazione almeno tra i 300 e 360 euro al quintale, la produzione della Nocciola Piemonte Igp, soprattutto nelle zone collinari più periferiche, che in questa coltivazione avevano trovato uno sbocco lavorativo altrimenti difficile, in questo momento non è più sostenibile”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente