La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I Castelli Tapparelli d’Azeglio possono di nuovo essere visitati

Il Comune di Lagnasco ha investito 200 mila euro nel rilancio delle strutture

La Guida - I Castelli Tapparelli d’Azeglio possono di nuovo essere visitati

Lagnasco – I Castelli Tapparelli d’Azeglio ritornano visitabili, dopo oltre tre anni di chiusura. L’amministrazione comunale ha voluto celebrare in modo ufficiale la riapertura, per sottolineare l’importanza di questo risultato, che restituisce agli amanti della storia e della cultura un monumento di notevole rilevanza, vero scrigno di bellezze del Rinascimento piemontese. Un percorso di riscoperta avviato all’inizio degli anni Novanta, da quando un gruppo di giovani appassionati lagnaschesi fondò l’associazione “d’Acord” (richiamandosi allo storico motto della famiglia Tapparelli che, tramite Casa Savoia, sancì la pace con i vicini conti Falletti). Dopo il primo grande cantiere di restauro statico ed architettonico, avviato dalla giunta Persico nel 1998, con il coinvolgimento degli Stati Generali del Piemonte ed il supporto economico di Ministero, Regione e Fondazioni Bancarie, nel 2008 l’apertura del primo ed attuale percorso museale ed il passaggio a patrimonio pubblico nel 2010. L’attuale amministrazione comunale, quando si è insediata nel 2019, si è attivata per il rilancio del bene storico, con lavori per 200 mila euro (per i quali il Comune ha ottenuto l’importante cofinanziamento di 120 mila euro da parte della Fondazione Cassa di risparmio di Saluzzo). Al taglio del nastro, svoltosi venerdì 1° settembre, hanno partecipato numerosi rappresentanti di enti ed istituzioni.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente