La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 4 marzo 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Donna saluzzese a processo per molestie e minacce

Una 38enne rinviata a giudizio, vittima una coppia perseguitata da telefonate e pedinamenti

La Guida - Donna saluzzese a processo per molestie e minacce

Saluzzo – Si erano conosciuti una sera del 2005 in discoteca e si erano scambiati i numeri di telefono, nulla di più, eppure da quel giorno, ormai più di 15 anni fa, la 38enne saluzzese P.D. lo avrebbe continuamente tempestato di telefonate e pedinato con l’auto, cercandolo di giorno e di notte, anche sul posto di lavoro, insultandolo pubblicamente in varie occasioni. La donna è stata rinviata a giudizio con l’accusa di minacce, ingiurie e molestie in seguito alla denuncia che l’uomo fece nel 2015 quando questo trattamento venne esteso anche alla donna che nel frattempo aveva sposato. La coppia ha raccontato in aula il profondo disagio e la paura derivante da questa situazione, tanto che entrambi si erano ritrovati ad evitare di rispondere al telefono quando si trovavano al lavoro per evitare di ascoltare gli insulti della donna all’altro capo del telefono. Nell’ultima udienza ha testimoniato in aula una dipendente del locale che l’uomo aveva preso in gestione in val Maira, “quando rispondevo la telefono ed era lei, pensando che fosse il mio capo a rispondere, iniziava ad insultare. Lui mi aveva detto di buttare giù appena sentivo che era lei”. Davanti al giudice ha testimoniato anche un’amica della moglie e parte offesa nel processo, che assistette in prima persona ad una di queste telefonate, “eravamo insieme a Saluzzo il 25 giugno del 2015 e lei ricevette una telefonata da P.D., mise in viva voce e ascoltai: per minuti interi ho sentito solo minacce, insulti e improperi di vario genere, si alludeva al fatto di ledere fisicamente alla mia amica. Le disse che si sarebbe fatta trovare sotto casa quella sera. La mia amica viveva da sola in quel periodo e aveva molta paura. Raccontava tutti i suoi spostamenti alla madre; c’era sempre qualcuno che sapeva dove andava”. Il processo è stato rinviato al 23 marzo per ascoltare i testi della difesa.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente