La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 12 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Corso Giovanni XXIII chiude ancora per i lavori

Scavi per il teleriscaldamento all'altezza di via Diaz e via della Pieve. Lavori anche su corso Solaro

La Guida - Corso Giovanni XXIII chiude ancora per i lavori

Cuneo – Sono ripresi i cantieri del teleriscaldamento nel centro storico con la nuova chiusura di corso Giovanni XXIII. La strada è stata chiusa e si riscava dal punto in cui i lavori si erano bloccati prima dell’Illuminata, cioè all’incrocio con via Armando Diaz e via Della Pieve. I lavori continueranno per le prossime settimane in una archeologicamente “interessante” dove è probabile riaffiorino i resti dell’antica chiesa di Santa Maria della Pieve. Altro cantiere aperto è quello in corso Solaro all’atezza di  via Lelio della Torre  proseguendo gli scavi da dove erano stati trovati i resti dei bastioni del Gesso, verso rondò Garibaldi.

Da martedì altri due cantieri verranno aperti ma senza interferire sul traffico, ma solo sui parcheggi, in via Bassignano davanti al cinema Fiamma, e in via Sebastiano Grandis.

Continuano invece i lavori in corso Nizza all’altezza di via Sobrero e interesseranno nei prossimi giorni proprio la strada e anche via Arnaud. Corso Nizza dovrebbe ritornare interamente transitabile intorno all’11 agosto.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.