La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 19 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il Macbeth di Shakespeare in sardo

Al Toselli domenica 25 marzo lo spettacolo vincitore del Premio Ubu 2017

Una scena del Macbettu

Cuneo – Il “Macbeth” di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Domenica 25 marzo alle 21, la stagione artistica 2018 del Toselli fa un’incursione nel teatro contemporaneo e propone al pubblico il “Macbettu” di Sardegna Teatro e della compagnia Teatropersona di San Casciano dei Bagni, in provincia di Siena.
Diretto da Alessandro Serra, con la traduzione in sardo curata da Giovanni Carroni, l’allestimento si è aggiudicato il prestigioso Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell’anno e ha conquistato il Premio Anct, l’Associazione nazionale dei critici di teatro, sempre nel 2017.
L’idea è nata nell’ambito di un reportage fotografico tra i Carnevali della Barbagia, cogliendo le sorprendenti analogie esistenti tra il capolavoro shakespeariano e i tipi e le maschere della Sardegna. In uno spazio scenico vuoto, i corpi degli attori disegnano luoghi ed evocano presenze: pietre, terra, ferro, sangue, positure di guerriero, residui di antiche civiltà nuragiche. Una materia che non veicola significati, ma forze primordiali che agiscono su chi le riceve.
Lo spettacolo è sopratitolato in italiano.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.