La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 19 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La squadra cuneese dei candidati Pd

Presentazione a Cuneo dei candidati della provincia:Gribaudo, Taricco, Balocco, Giovannini e Borrelli

La Guida - La squadra cuneese dei candidati Pd

Cuneo – Siamo una squadra e gli unici capaci a governare seriamente questo paese. Lo dicono tutti i candidati cuneesi del Pd che questa mattina si sono presentati a Cuneo nella sede del partito sotto la regia del segretario provinciale Flavio Manovella che sottolinea che Cuneo “ha un ruolo importante a livello nazionale con candidati forti e presentabili”. Al tavolo i parlamentari uscenti Chiara Gribaudo e Mino Taricco, di nuovo in corsa rispettivamente capolista del proporzionale alla Camera e secondo del proporzionale al Senato, e gli altri candidati l’assessore regionale Francesco Balocco (all’uninominale nel collegio Alba-Mondovì) e Marta Giovannini (all’uninominale nel collegio provinciale del Senato) e Massimo Borrelli (quarto al proporzionale alla Camera). In prima fila la senatrice uscente Patrizia Manassero.

Il pubblico alla presentazione dei candidati Pd a Cuneo.

Tocca alla Gribaudo aprire elencando molto del lavoro che il governo ha fatto in questi anni in particolare sulle politiche del lavoro e sui diritti sociali ma senza dimenticare il territorio dalla Asti-Cuneo alla candidatura Unesco delle Alpi: “No siamo quelli che fomentiamo una comunità del rancore – ha detto – ma della cura e del sostegno”. Per Balocco la candidatura di due assessori regionali è quella dello stile Chiamparino, cioè forte attenzione al territorio e alle competenze, per lui che dice “non sono un renziano della prima ora ma sono dalla parte di Renzi che ha voluto innovare e chi cambia subisce la reazione delle classi di potere a cui tocchi interessi consolidati”. Ha anche tempo per una battuta: “Ho chiesto il confronto a Enrico Costa, ma in quel faccia a faccia non vorrei io essere quello che critica il governo Renzi e Gentiloni!” (ndr, Costa è stato ministro sia di Renzi che di Gentiloni prima del ritorno a fianco di Berlusconi, Meloni e Salvini). Borrelli riconosce che il territorio è governato da 6 sindaci su 7 dal centrosinistra ed è ben governato e auspica che si torni al governo e si voti per lo ius soli, mentre la Giovannini punta su famiglia e sul fatto di esser la prima donna di Langa ad essere candidata al Senato. Chiude Taricco che ricorda la situazione “tragica del 2013 – dice quando abbiamo trovato un paese con tutti i segni meno e ora abbiamo più lavoro, più economia, più giustizia sociale, una Cuneo-Asti che va in dirittura di arrivo e una variante di Demonte che ai tempi Berlusconi-Cota-Gancia era stata cancellata”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.