La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 25 settembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Bankitalia e Bene Banca: una storia infinita

La Guida - Bankitalia e Bene Banca: una storia infinita

Bene Vagienna – Le motivazioni del lungo confronto (iniziato alle 11 e concluso alle 13.30), avvenuto nella mattinata di martedì 23 febbraio, nella sede cuneese di Bankitalia tra il direttore Luigi Capra della filiale torinese e il sindaco Claudio Ambrogio in compagnia di un assessore, il segretario comunale e un geometra benese, non convincono tutti. Soprattutto non convince il fatto che ci sia tanto mistero intorno ad una “piacevole chiacchierata informativa” tra funzionario e sindaco sulla questione fusione per comprendere le ripercussioni sul territorio del nuovo articolato dl”?“A Bene Vagienna – commenta l’ex Presidente di Bene Banca Francesco Bedino – non si crede alle smentite ufficiali del primo cittadino, il sottoscritto ritiene che quanto accaduto, in ogni caso è perfettamente rientrante nella tanto decantata “moral suasion” della Banca d’Italia”. Mi spiace che nel 2013, una simile attività di “convincimento” non ci sia stata anche su chi allora amministrava Bene Banca. Una banca in salute con i conti in ordine ed assolutamente “ancora in grado di proseguire nella propria attivita”, ma commissariata addirittura il giorno immediatamente precedente all’adunanza dei soci chiamati ad eleggere un’unica lista. Incontrovertibile riprova è la durata dell’amministrazione straordinaria, la più veloce della storia italiana”.“Durante l’incontro con il Cda della governance sul discorso fusione Bene Banca e Bam, avvenuto giovedì sera – aggiunge Ambrogio – è stata proposta una tregua fino a metà marzo. Se non cambierà nulla riprenderemo la nostra battaglia”.Il temporeggiare di Ambrogio si contrappone alla volontà di “Svegliamoci Bene” “Andremo avanti da soli al di là dei tentennamenti e della “catechesi” se c’è stata da parte di Bankitalia”.È stata consegnata un’interrogazione parlamentare dall’on Daniele Pesco M5S dove si chiede al Governo se fosse informato di tale incontro e quali elementi disponga nella vicenda, anche in considerazione del commissariamento della citata banca piemontese”.Riuscirà il risparmiatore a comprendere il perché di tutto questo particolare interesse di Banca Italia per la piccola Bene Banca? 

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.