La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 23 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

L’Università e il Politecnico di Torino sono occupate da due settimane, gli studenti chiedono lo stop agli accordi con Israele

Alcuni corsi di laurea stanno svolgendo lezione online. Le richieste degli studenti: stop alle collaborazioni con gli atenei israeliani e con le industrie belliche, trasparenza sugli accordi e presa di posizione dei rettori sulla guerra in Palestina

Torino

La Guida - L’Università e il Politecnico di Torino sono occupate da due settimane, gli studenti chiedono lo stop agli accordi con Israele

Palazzo Nuovo a Torino, sede delle facoltà umanistiche dell’Università di Torino è stata occupata dagli studenti da ormai due settimane giorni, insieme alla sede di Fisica e al Politecnico.

Le ragioni dell’occupazione, che ha portato alcuni corsi di laurea a svolgere le lezioni online riguardano la guerra tra Israele e Palestina, in particolare le collaborazioni dei due atenei (UniTo e PoliTo) con le università israeliane e le imprese dell’industria bellica. UniTo in particolare ha, nei suoi oltre 500 accordi internazionali, 9 intese con le università di Israele.

Le quattro richieste delle centinaia di studenti sono state diffuse fin dai primi giorni: “chiediamo – si legge in un comunicato diffuso dal movimento Intifada studentesca – l’interruzione definitiva di tutti gli accordi accademici tra UniTo e tutte le istituzioni, accademie e aziende di Israele; la rescissione di tutti gli accordi tra UniTo e l’industria bellica; la desecretazione e lista pubblica di tutti gli accordi tra Unito e terze parti; la presa di posizione pubblica e formale da parte del Rettore e del Senato accademico di UniTo a favore del blocco di invio di armamenti bellici ad Israele, per un cessate il fuoco totale, per l’interruzione delle operazioni militari israeliane su Rafah e Jabalia”.

L’occupazione torinese non è un caso isolato. In tutto il mondo gli studenti stanno chiedendo il cessate il fuoco; l’ondata di proteste è partita dagli Stati Uniti con l’occupazione della Columbia university, seguita dall’Università della California (UCLA) e dal City College di New York. Si sta protestando anche a Parigi, Berlino, Amsterdam, oltre che in Italia a Padova, Milano, Pisa, Firenze, Roma.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente