La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 21 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cherasco storia, al via dal 17 maggio la 23a edizione del premio

Il riconoscimento, istituito nel 1997, verrà attribuito ex aequo alla francese Marie Favereau e all’israeliana Tamar Herzig

Cherasco

La Guida - Cherasco storia, al via dal 17 maggio la 23a edizione del premio

Grandi personalità del mondo accademico internazionale e opere storiografiche di alto profilo: la Città delle paci si prepara a ospitare, venerdì 17 e sabato 18 maggio, la 23^ edizione del premio internazionale Cherasco storia. Il riconoscimento, istituito nel 1997, verrà attribuito ex aequo, per la prima volta dalla nascita, a una coppia tutta al femminile: la francese Marie Favereau, docente presso l’Università di Parigi-Nanterre e l’israeliana Tamar Herzig, titolare di una cattedra all’ateneo di Tel-Aviv.

Specializzata nella storia dei Mongoli e della civiltà islamica, Favereau ha ottenuto l’approvazione della giuria del Cherasco storia con “L’orda. Come i mongoli cambiarono il mondo”, opera tradotta e pubblicata da Einaudi nel 2021. Studiosa dell’Italia del Quattrocento, Herizg si è aggiudicata il riconoscimento con “Storia di un ebreo convertito. Arte, criminalità e religione nell’Italia del Rinascimento”, testo pubblicato dalla casa editrice Viella.

Quattro i riconoscimenti “collaterali” che verranno assegnati nel corso della manifestazione: il premio internazionale Cherasco storia per l’arte e la cultura andrà a Mario Turetta, segretario generale del Ministero della cultura; il riconoscimento alla carriera a Simona Colarizi, professoressa emerita di Storia contemporanea all’Università La sapienza di Roma; Ferruccio De Bortoli, editorialista ed ex direttore del Corriere della Sera, verrà insignito del premio per il giornalismo della Fondazione De Benedetti Cherasco 1547; l’ex presidente della Fondazione Crt Giovanni Quaglia riceverà il riconoscimento Cherasco storia alle fondazioni bancarie.

A dare il là alla manifestazione – che coinvolgerà come d’abitudine studenti delle scuole superiori e universitari – l’incontro, venerdì 17 maggio alle 9 in piazza degli Alpini, fra i giovani e una delegazione dell’Unione industriali della Granda. Guidati dalla direttrice Giuliana Cirio e dal presidente, il cheraschese Mariano Costamagna si confronteranno con i giovani su temi di grande attualità quali l’innovazione didattica e le nuove professioni nel mondo del lavoro.

Sabato 18 maggio la giornata clou della rassegna: il padiglione installato in piazza degli Alpini accoglierà, dalle 9, la lectio magistralis di Marie Favereau e Tamar Herzig, vincitrici del Cherasco storia, davanti al pubblico e agli studenti. Seguiranno gli interventi del segretario generale del Ministero della cultura Mario Turetta e quello della docente Simona Colarizi. Nel pomeriggio, a partire dalle 15, è prevista la consegna del premio, dei riconoscimenti collaterali e delle borse di studio per gli studenti, ultimo atto dell’edizione 2024.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente