La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 30 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Le richieste della Coldiretti in piazza a Bruxelles

Tutela del made in Italy, trasparenza in etichetta, no a importazioni selvagge, speculazioni e finti cibi

La Guida - Le richieste della Coldiretti in piazza a Bruxelles

Molte delle richieste portate avanti dai trattoristi coincidono di fatto con le battaglie della Coldiretti, la principale organizzazione di imprenditori agricoli oggi esistente a livello provinciale oltre che nazionale ed europeo: la tutela del cibo Made in Italy, la lotta per la trasparenza in etichetta, il contrasto alle importazioni selvagge e alle speculazioni, lo stop ai finti cibi in provetta.
Ma pur condividendo largamente le ragioni di chi è sceso in strada con i trattori, Coldiretti non ha preso parte alle manifestazioni di piazza che sono state qua e là organizzate nella Granda e nel resto d’Italia. Alla protesta generalizzata Coldiretti ha preferito la via del dialogo già aperto su molti fronti ai tavoli istituzionali. Negli ultimi mesi non ha allentato la pressione su Regione, Governo e Unione europea. Soprattutto Unione europea, perché è principalmente a Bruxelles che si decidono le sorti della nostra agricoltura ed è lì che la Coldiretti ha scelto di andare, per correggere politiche autolesionistiche che rischiano di mettere in ginocchio l’agricoltura europea.
Con due appuntamenti circostanziati e obiettivi mirati, Coldiretti è salita nella capitale dell’Unione Europea.
L’ha fatto la prima volta il 1° febbraio scorso, in occasione del Vertice straordinario dell’UE: una manifestazione ai piedi del Parlamento europeo culminata nell’incontro della Coldiretti con il Commissario europeo all’Agricoltura Janusz Wojciechowski, la Presidente della Commissione UE Ursula Von der Leyen, il Presidente del Consiglio UE Charles Michel e la Premier italiana Giorgia Meloni, che hanno espresso sostegno alla protesta e assunto primi impegni rispetto al piano “Non è l’Europa che vogliamo!” che la Coldiretti ha presentato per l’occasione.
Coldiretti è tornata a Bruxelles una seconda volta il 26 febbraio in occasione del Consiglio dei Ministri dell’Agricoltura per chiedere risposte esaustive in tempi certi alle necessità delle aziende agricole: le crisi di mercato impongono urgentemente di andare oltre i limiti imposti dall’UE ai produttori.
In entrambe le occasioni era presente in forze anche una delegazione Coldiretti dal Piemonte con un centinaio di imprenditori cuneesi.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente