La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 18 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Strage di cervi in alta Valle Stura

Una trentina di animali sono morti dopo essere precipitati per centinaia di metri dalla Montagnetta ai piedi delle Barricate probabilmente per sfuggire a un attacco di lupi. Stamattina (martedì 19 marzo) è atteso il sopralluogo dei tecnici dell'Asl

Ponterbernardo

La Guida - Strage di cervi in alta Valle Stura

Una trentina di cervi sono stati trovati morti ieri (lunedì 18 marzo) dopo essere precipitati per centinaia di metri da un boschetto sulla Montagnetta sopra Pontebernardo. I corpi senza vita degli animali sono stati notati da alcuni passanti che li hanno visti ai piedi delle Barricate (di fronte al paravalanghe), mentre almeno altri sei erano ancora in vita nascosti tra gli alberi del boschetto in cui avevano trovato rifugio, una zona da cui però è impossibile per loro riuscire a uscire senza precipitare. Sono in corso le indagini per capire cosa possa essere successo, è probabile che gli animali siano caduti cercando di sfuggire all’attacco di un branco di lupi, ma non si escludono altre ipotesi, com una piccola slavina (anche se difficile in quel punto). Non è chiara nemmeno la tempistica, gli animali potrebbero anche essere caduti nelle scorse settimane durante le nevicate e i corpi essere riemersi solo in questi giorni con lo scigliomento del manto nevoso. Ieri il primo sopraluogo di ieri da parte dei Carabinieri Forestali. “Mi sono confrontata con Asl e con i Carabinieri Forestali di Demonte – spiega la sindaca Sabrina Rocchia -. L’ipotesi più accreditata è che, scappando dai lupi, siano finiti in questo boschetto per loro inusuale e poi si staccata una placca da sopra e li abbia fatti precipitare. Adesso sono in una zona in cui il recupero diventa difficile se non impossibile, quindi per il momento li lasceremo lì per favorire la catena alimentare, al momento non ci sono problemi di igiene”.

 

 

 

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente