La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Borgo San Dalmazzo per la Giornata della Memoria

Domenica 21 la marcia dei lumini, giovedì 25 lo spettacolo teatrale “Memoriosi”

La Guida - Borgo San Dalmazzo per la Giornata della Memoria

Borgo San Dalmazzo – L’assessorato alla Cultura del Comune di Borgo San Dalmazzo ha predisposto il programma della Giornata della Memoria 2024.

Domenica 21 gennaio appuntamento con la Marcia dei Lumini, con cui ogni anno si ricordano le deportazioni da Borgo San Dalmazzo che tra il novembre 1943 e il febbraio 1944 condussero 357 ebrei italiani e stranieri al campo di sterminio di Auschwitz.

Dopo la Santa Messa in suffragio dei deportati defunti che verrà celebrata alle ore 16.00 nella Chiesa di Santa Croce, alle ore 16.45 presso piazza Don Raimondo Viale, nei pressi dell’ex campo di concentramento cittadino si terrà un momento di riflessione a cura gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Borgo San Dalmazzo. In seguito la Marcia dei Lumini si snoderà attraverso il centro della città, ripercorrendo il tragitto che portò gli ebrei dal campo alla stazione ferroviaria, ora sede del Memoriale e del vicino percorso museale MEMO4345. Davanti ai vagoni merci che ricordano l’ultimo viaggio dei perseguitati saranno deposti i lumini, simbolo di impegno alla memoria e di speranza per un presente di pace. Ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo il compito di scandire i nomi dei deportati.

Giovedì 25 gennaio, ore 20.45, presso l’auditorium civico “Città di Borgo San Dalmazzo”, andrà in scena lo spettacolo teatrale “Memoriosi – Nuovi archivisti del bene”, scritto da Gabriele Nissim, Massimo Speziani e Paola Bigatto per la produzione di Centro Asteria / Oderstrasse e con il sostegno di Gariwo – La foresta dei Giusti. Sarà il giovane attore Marco Ciccullo a interpretare il monologo di grande impatto emotivo che racconta la memoria del bene attraverso le storie dei Giusti, uomini e donne che con grande rischio personale hanno difeso la vita e la dignità umana durante i genocidi, i totalitarismi, le crisi umanitarie, accendendo luci contro l’indifferenza. Lo spettacolo, a ingresso libero (distribuzione biglietti gratuiti presso l’Ufficio Turistico), sarà replicato la mattina del venerdì 26 gennaio per gli studenti delle classi seconde dell’Istituto Comprensivo di Borgo San Dalmazzo e dell’Istituto Comprensivo di Robilante. Sarà quindi l’occasione per una riflessione e un dialogo vivo con i ragazzi, stimolati a porre domande e a costruire le condizioni per una memoria interrogativa e proiettata sulle tematiche del presente e del futuro.

Sabato 27 gennaio MEMO4345, il percorso multimediale storico-didattico che dà voce al Memoriale della Deportazione, sarà aperto al pubblico dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 14.00 alle 18.00 per la fruizione libera e gratuita. Durante la giornata saranno proiettate le video-narrazioni dedicate alle famiglie deportate da Borgo San Dalmazzo. Domenica 28 gennaio l’allestimento proporrà le consuete visite guidate (ore 10.30, 14.30, 16.30). Fortemente consigliata la prenotazione: tel. 0171 266 080 – e-mail: info@memo4345.it.

Il prossimo 15 febbraio ricorrerà, invece, l’ottantesimo anniversario della seconda deportazione da Borgo San Dalmazzo. L’Amministrazione comunale ha in previsione la commemorazione del triste avvenimento con un calendario di eventi.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente