La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 23 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Morì per l’urto contro il soffitto durante lavori di manutenzione

I risultati delle valutazioni dei tecnici, nel processo per l'incidente mortale avvenuto alla Trae di Busca nel gennaio 2020

La Guida - Morì per l’urto contro il soffitto durante lavori di manutenzione

Busca – È stato l’urto contro una delle capriate del soffitto nel capannone della Trae, dove stava eseguendo un lavoro in subappalto per conto della ditta Imq, la causa della morte di Daniele Peroncelli, 32enne titolare di una ditta individuale di impianti elettrici che il 14 gennaio 2020 aveva quasi finito di eseguire la manutenzione delle lampade appese al soffitto. In quel momento si trovava su una piattaforma elevata a circa otto metri di altezza da terra quando, procedendo in retromarcia, andò a sbattere con la testa contro la capriata riportando un trauma cranico purtroppo fatale. Secondo l’accusa l’uomo, che sembra non fosse abilitato all’uso della piattaforma aerea, non si era accorto della capriata, mentre secondo la difesa di M. Q. e D. Q. (titolari della Imq che gli avevano subappaltato il lavoro), l’elettricista sarebbe stato indotto in errore durante una manovra in retromarcia, a causa di un tasto poco visibile sul pannello dei comandi. Gli altri due imputati al processo sono D. B, il proprietario del capannone dove la vittima stava eseguendo il lavoro, e S. B., l’imbianchino proprietario della piattaforma che non risulta avesse autorizzato Peroncelli a utilizzarla. Nel corso dell’istruttoria è stato a lungo dibattuto lo stato di manutenzione della piattaforma relativamente al quadro comandi, i cui tasti risultavano essere in parte sbiaditi a causa dell’usura, motivo per cui lo Spresal aveva dato prescrizioni al proprietario che aveva provveduto a sostituire la parte usurata. Per quanto riguarda il funzionamento del carrello elevatore, in aula ha testimoniato un tecnico abilitato a fare corsi di formazione per l’utilizzo di piattaforme aeree, chiamato dalla Procura a verificarne il corretto funzionamento e che ha dichiarato che tutti i comandi funzionavano, sia quelli a terra sia quelli nel cestello. L’udienza è stata rinviata al 28 novembre per ascoltare altri testimoni delle parti.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente