La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 13 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Calderoli: “La riforma delle Province si farà e sarà pronta per l’election day del 9 giugno 2024”

Il ministro a Cuneo per il convegno a Confindustria garantisce che c'è il tempo e la convergenza politica per la riforma

La Guida - Calderoli: “La riforma delle Province si farà e sarà pronta per l’election day del 9 giugno 2024”

Cuneo – “Abbiamo il tempo necessario e la convergenza politica per la riforma delle Province, che si farà e sarà pronta per l’election day del 9 giugno 2024”.
Ne è sicuro il ministro per gli affari regionali e le autonomie, Roberto Calderoli che è a Cuneo per il convegno “La rinascita delle Province” che si sta tenendo in Confindustria. Lo ha riferito prima dell’incontro che lo vedrà protagonista insieme a Giovanni Quaglia, già presidente della Provincia di Cuneo dal 1988 al 2004 e Luca Robaldo, presidente della provincia di Cuneo e sindaco del Comune di Mondovì in un dibattito guidato dal direttore de La Guida Ezio Bernardi, dopo la relazione di Marco Orofino, professore ordinario di diritto costituzionale all’Università Statale di Milano.
“Sulla riforma delle Province tutti erano ampiamente d’accordo – dice Calderoli – tranne i 5Stelle, poi man mano ci sono stati dei distinguo soprattutto dei sindaci e del centrosinistra che non a caso governa tante Città ma poche Province. Ora abbiamo il tempo per arrivarre per giugno 2024 e risparmiare 225 milioni che costerebbero altre elezioni in altri periodi per 75 consigli provinciali che vanno a scadere. Che ci sia bisogno di ritornare a un ente inetrmedio di governo del territorio tra la mastrodontica Regione e piccoli Comuni è evidente, così come è evidente che l’eleciotn day sia fondamentale per evitare la sempre più alta disaffezione al voto dei cittadini. Lo vogliamo e possiamo farlo, ci devono essere le risorse e si devono trovare. La legge Delrio fatta per risparmare ha portato costi in più sia in termini economici che di inefficienza amministrativa. Il personale è passato in gran parte alla Regione e costa molto di più. Una vera Provincia è necessaria”.
Calderoli spiega anche di proroghe agli attuali consigliere provinciali che sono in scadenza a fine anno, e speiga gche gli attuali presidenti decadranno perché non sono presidenti di Provincia ma in realtà presidenti di area vasta, dunque di un soggetto giudicamente diverso da quello che si va a rimettere in piedi.
“Qualcuno ricorrerà, pazienza – dice Calderoli – siamo in Italia e i ricorsi sonpo all’ordine del giorno, ma andremo a scegliere i presidenti e farli eleggere, con liste collegate e premio di maggioranza. E chiunque potrà candidarsi anche gli ex presidenti o chi è attualmente presidente perché avrà un ruolo diverso. Sul limite del terzo mandato a presidenti e sindaci e anche presidenti di Regione se ne parla ad ogni tornata elettorale. Forse si potrà fare qualcosa per i sindaci dei Comuni sono i 15.000 abnitanti ma è presto dirlo”.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente