La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 13 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La maggioranza Cirio traballa sul nuovo ospedale di Ivrea

Il nuovo ospedale dell'Asl To4 si farà nell'area ex Montefibre, non partecipano al voto i consiglieri del gruppo di Fratelli d'Italia

La Guida - La maggioranza Cirio traballa sul nuovo ospedale di Ivrea

consiglio regionale

Torino – Spaccatura nella maggioranza alla guida della Regione Piemonte in merito al sito di realizzazione del nuovo ospedale dell’Asl To4, Ambito Eporediese. Nella giornata di ieri, martedì 1° agosto, il Consiglio regionale ha approvato la proposta di delibera che individua il sito di costruzione del nosocomio presso l’area ex Montefibre di Ivrea, con 22 voti favorevoli, 2 contrari, un astenuto e 17 non votanti. Fra i voti validi anche quelli di alcuni consiglieri di maggioranza che, pur esprimendosi contro tale scelta, hanno poi garantito il numero legale per l’approvazione del provvedimento, cui in sede di dibattito si erano opposti.
Non hanno, invece, partecipato al voto i consiglieri del gruppo di Fratelli d’Italia, tra cui il capogruppo Paolo Bongioanni ed il vice-capogruppo Davide Nicco, che fin dal primo momento si erano schierati con i sindaci del territorio a favore della localizzazione nell’area di Pavone Canavese, contro la decisione della Giunta di preferire il sito di Ivrea.
“La priorità è naturalmente che l’Ospedale si faccia e venga realizzato al più presto – commentano Bongioanni e Nicco a nome dell’intero gruppo FdI -. Ma vogliamo rimarcare come, ancora nell’ultima assemblea dei Sindaci dell’Asl To4, tutti i primi cittadini dell’Alto Canavese, che è il territorio direttamente interessato, abbiano votato contro l’ipotesi Ivrea e a favore di quella di Pavone, e come solo il peso numerico dei sindaci più prossimi a Torino e lontani dall’area coinvolta abbia determinato la scelta di Ivrea, ascoltando probabilmente più le indicazioni della politica che le esigenze del territorio. Per questo noi di Fratelli d’Italia siamo fieri di essere stati coerenti fin dall’inizio dell’iter, ascoltando le ragioni dei cittadini e amministratori canavesani e contrastando l’approvazione della delibera con la non partecipazione al voto. Rileviamo che anche chi della maggioranza aveva espresso contrarietà ha permesso con il suo voto in aula l’approvazione della delibera. Continueremo a lavorare per supportare fino in fondo i sindaci affinché il nuovo ospedale offra i migliori servizi ai cittadini della zona”.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente