La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 12 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I proprietari di seconde case in Francia devono iscriversi all’Agenzia delle Entrate francese

C'è tempo fino al 30 giugno per adempiere agli obblighi normativi introdotti nel 2021 e diventati oprativi a partire da quest'anno

La Guida - I proprietari di seconde case in Francia devono iscriversi all’Agenzia delle Entrate francese

Cuneo – I proprietari di seconde case in Francia hanno tempo fino al 30 giugno per adempiere agli obblighi normativi, introdotti nel 2021 e divenuti operativi a partire da quest’anno. Il servizio si chiama “Gérér mes biens immobilers” (gestire i propri beni immobiliari) ed è accessibile dal cassetto fiscale francese www.impots.gouv.fr. In seguito alla registrazione sul portale, il proprietario di un immobile può accedere all’elenco dei beni di sua proprietà (residenza principale, secondaria, immobili in locazione, ecc.), qualunque sia la situazione, ovvero proprietà, usufrutto, nuda proprietà o comproprietà del bene. Il servizio “Gestisci il mio immobile” consentirà all’Agenzia delle Entrate francese di individuare le case ancora soggette alla cosiddetta taxe d’habitation, l’imposta sulla casa, che rimane per le seconde case o appartamenti destinati ad affitti arredati di brevi periodi. Anche le abitazioni sfitte potrebbero essere soggette al pagamento dell’imposta (taxe sur les logements vacants o taxe d’habitation sur les logements vacants). Trattandosi di un obbligo normativo, in caso di omissione o errore si rischia una multa di 150 euro per appartamento. Fatta questa prima dichiarazione, non resta che segnalare eventuali modifiche che possano sopraggiungere sul bene in questione.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente