La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 21 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Picchiato con un bastone perché le sue mucche avevano invaso un altro terreno

L'episodio verificatosi a Paesana nel giugno 2020. Rinviato a giudizio l'autore del pestaggio

La Guida - Picchiato con un bastone perché le sue mucche avevano invaso un altro terreno

Paesana – Picchiato con un bastone perché le sue mucche avevano invaso il terreno di un altro allevatore. Il fatto è accaduto il 19 giugno del 2020 e con l’accusa di lesioni aggravate è stato rinviato a giudizio M.P., un dipendente del proprietario del terreno ‘invaso’, accusato di aver colpito a bastonate C.A. l’allevatore costituito parte civile al processo.
“Stavo trasferendo le mucche da un terreno ad un altro e lungo la strada avevo messo i fili della recinzione, ma alcune mucche li avevano buttati giù calpestando l’erba del terreno di un altro allevatore”. Finito di spostare le mucche, C.A. insieme al fratello di 15 anni e ad un cugino era tornato indietro a recuperare i pali e i fili della recinzione, ma la sua auto venne bloccata da quella dei dipendenti dell’altro allevatore che si lamentavano per l’invasione del terreno da parte delle sue mucche. “Dalle parole e insulti si è passati all’aggressione – ha riferito in aula la parte offesa – loro erano quattro e mentre tre mi trattenevano, M.P. aveva preso uno dei pali per la recinzione e mi ha colpito alla testa. L’ho visto mentre prendeva il palo e poi ho sentito da dietro i colpi sulla testa”. Il fratello e il cugino erano riusciti a scappare in auto e da lì assistettero all’aggressione, “da dietro lo ha colpito più volte alla testa – ha raccontato in aula il fratello minore che all’epoca aveva 13 anni – mio fratello urlava e anche io gridavo di lasciarlo stare, ma quello ha smesso solo quando il bastone si è rotto. Ero molto spaventato, non sono più salito in montagna per un mese”. Quando i tre sono riusciti a mettersi in salvo sono corsi giù a valle per andare al Pronto soccorso, dove alla vittima dell’aggressione sono state curate le ferite, “ancora adesso ho frequenti mal di testa – ha aggiunto la parte offesa  – e in alcuni momenti anche episodi di perdita di memoria”. Anche la madre della vittima ha riferito del grande spavento del figlio minore quando rientrò a casa, “il grande era andato in ospedale e non lo vidi fino al giorno dopo. Lo avevo però sentito per telefono e mi aveva rassicurata. Il piccolo invece era molto agitato, piangeva e non riuscivo a calmarlo, non voleva più andare in montagna”.
L’udienza è stata rinviata al 19 giugno per ascoltare i testi della difesa.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente