La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 1 ottobre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Le elezioni provinciali verso l’anticipo a metà settembre

Erano state fissate il 25 settembe nello stesso giorno in cui poi sono state messe le elezioni politiche

La Guida - Le elezioni provinciali verso l’anticipo a metà settembre

Cuneo – Slitteranno probabilmente la domenica prima delle politiche del 25 settembre, le elezioni di secondo grado per la presidenza della Provincia di Cuneo. Fissate in un primo tempo il 25 settembre allo scadere dei 90 giorni di tempo dalla decadenza di Federico Borgna da sindaco e dunque da presidente della Provincia, le elezioni provinciali sono venute a cadere nello stesso giorno delle elezioni politiche del dopo Draghi.

Ora la presidenza è affidata al vice Massimo Antoniotti, di Borgomale, ma le elezioni, a cui partecipano solo sindaci e consiglieri comunali dei 247 Comuni della Granda, devono essere fatte. E non possono essere rimandate al dopo politiche, ma solo anticipate.
Se la linea Borgna per entrambe le sue riconferme alla guida della Provincia era stata prima la lista unitaria e poi liste divise ma sempre con una presidenza unica, non sembra possa essere così alla vigilia delle politiche. Sono diversi i nomi che si fanno, perché la linea della candidatura unitaria  sul neo sindaco di Mondovì, Luca Robaldo, vicino a Costa ma anche fedelissimo di Cirio, su cui si puntava anche negli accordi pre-elettorali comunali, diventa sempre più difficile. Il centrodestra sembra possa puntare o sul senatore uscente di Forza Italia e sindaco di Priocca, Marco Perosino, che Cirio vuole a tutti i costi ricandidare anche al Senato, o sul sindaco riconfermato di Racconigi, Valerio Oderda, vicino a Fratelli d’Italia ma ben visto anche dagli avversari del centrosinistra, o sul cooridnatore provinciale di Forza Italia e sindaco di Boves, Maurizio Paoletti, che però è verso la conclusione del mandato. Il centrosinistra sembra spingere sul sindaco di Cavallermaggiore Davide Sannazzaro o sullo stesso segretario provinciale del Pd Mauro Calderoni, sindaco di Saluzzo, anche se Robaldo sembra rimanere sempre la prima scelta anche del centrosinistra e lo sarebbe ancora di più se si concretizzasse a livello regionale l’accordo tra Letta e Calenda.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente