La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Piemonte, tracollo nella qualità dei servizi sanitari dei livelli essenziali di assistenza

Due anni fa la Sanità piemontese era prima in Italia, sempre vicina ai livelli di Veneto, Emilia Romagna e Toscana ora è dodicesima

La Guida - Piemonte, tracollo nella qualità dei servizi sanitari dei livelli essenziali di assistenza

Cuneo – L’efficienza e la qualità dei servizi sanitari in Piemonte è sempre più bassa. A dirlo è la classifica nazionale ufficiale dei Lea, Livelli essenziali di assistenza, dove il Piemonte è precipitata al 12esimo posto. Un tonfo, ottenuto dall’analisi dei dati relativi al 2019 e ufficializzato dal Ministero della Salute, calcolando che solo due anni fa guidava quella classifica e l’anno scorso era comunque quarta ma dietro a Emilia, Veneto e Toscana. Ora il Piemonte della gestione Cirio-Icardi si è fatta superare a Umbria, Lazio, Puglia, Abruzzo, finendo ai livelli dei tempi del 2012 in pieno Piano di Rientro. È fermo a 188 punti lontano dai 221 di due anni fa e i 218 dello scorso anno, così come dai 222 di Veneto e Toscana ma anche dai 204 dell’Abruzzo o dai 206 della vicina Liguria.

Un disastro in cui il Covid non c’entra nulla, così come incolpevoli sono coloro, medici, infermieri e amministrativi, che nella sanità ci operano. Il Piemonte infatti continua ad eccellere per comparto ospedaliero e prevenzione. Ma il tracollo sarebbe dovuto soprattutto a ritardi e omissioni dell’apparato burocratico del governo della sanità piemontese. Nel documento ufficiale ministeriale infatti c’è scritto che “il punteggio, in peggioramento rispetto all’anno precedente, è dovuto in particolar modo alle carenze informative, quali l’insufficienza della qualità̀ dei flussi informativi, integrate solo successivamente alla data di chiusura della valutazione della griglia Lea”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente