La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 13 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Gli anni della ricostruzione tra ricordi e avvenimenti

Con “Cuneo 1946-1961” quasi un’autobiografia per Giovanni Cerutti e per la “città giardino”

La Guida - Gli anni della ricostruzione tra ricordi e avvenimenti

Comincia secondo lo stile più classico dell’autobiografia, attingendo ad un albero genealogico che per brevità non va oltre i suoi genitori, poi il racconto della vita di Giovani Cerutti si allarga e si concede piccole digressioni che la impreziosiscono, ne fanno quasi esperienza di condivisione di un ambiente, di uno stile di vita. È nello stile dell’autore quello di andare a cogliere ambienti e situazioni per arricchire la storia, quella che coinvolge una comunità, ma anche tocca da vicino le singole persone.
È per questo che molte pagine diventano un viaggio nella memoria collettiva nei quindici anni che segnarono la ricostruzione della città e dell’Italia intera. Non a caso l’autore stesso è sembrato che “in quegli anni la nostra piccola città fosse lo ‘specchio’ della grande Itala”. Dagli oggetti casalinghi del dopoguerra ai giocattoli, dai divertimenti a buon mercato, i baracconi con le gabbie volanti o il “muro della morte”, ai primi elettrodomestici, è un’intera città che si rispecchia e si riconosce. A tutto ciò l’autore dedica le sue ampie “integrazioni” componendo una piccola enciclopedia del quotidiano.
Poi col passare degli anni i ricordi si fanno più precisi, mirati anche a specifiche realtà aggregative, dalla scuola alla parrocchia. Di nuovo queste diventano occasioni per approfondimenti che mettono in rilievo la vita quotidiana e talora offrono la possibilità di incrociare persone che hanno avuto un ruolo nella città.
In particolare è la vita di fede che ha uno spazio considerevole. Qui è possibile trovare un panorama della realtà ecclesiale e liturgica prima del Vaticano II. Sempre lo sguardo è benevolo. L’autore non si lascia sedurre da un troppo facile quanto illogico spirito critico. La messa in latino, le pratiche religiose popolari, le preghiere “del buon cristiano”, la stessa “preghiera per gli Ebrei”, fino al piccolo assaggio del Catechismo di Pio X sono sempre pagine riportate con discrezione consapevole che in quei formulari si identificavano anime semplici e profondamente religiose.
L’ultimo capitolo ha un intento più sintetico. Scandito per anni, sono riportati i principali avvenimenti della vita cittadina, non senza perdere di vista l’elemento amministrativo cui l’autore ha dato il suo contributo negli anni successivi.

Cuneo 1946-1961
di Giovanni Cerutti
Primalpe
14 euro

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente