La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 aprile 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Zingaretti a Cuneo tra critiche del passato e proposte sul futuro

Secondo il candidato alla segreteria in passato il Pd ha perso perché non è riuscito a intercettare i cambiamenti della società

La Guida - Zingaretti a Cuneo tra critiche del passato e proposte sul futuro

Cuneo – Mercoledì 23 gennaio Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria del Partito Democratico, si è recato a Cuneo presso l’Auditorium Foro Boario per presentare il suo programma in vista delle primarie previste per il 3 marzo. L’incontro è iniziato con una riflessione dell’ospite sui motivi della disaffezione degli italiani nei confronti delle forze politiche di sinistra. I motivi secondo Zingaretti sono stati molteplici, tra cui la scomparsa delle tradizionali classi sociali e le difficoltà del Partito Democratico di intercettare i cambiamenti di una società nella quale si è assistito alla crescita di divari politici ed economici. Dopo una parentesi sull’insostenibilità delle riforme proposte dall’alleanza giallo-verde il candidato alla segreteria ha parlato della pericolosità del reddito di cittadinanza, sostenendo la difesa del reddito di inclusione, vera riforma a sostegno della povertà. Successivamente in riferimento al caso di Lino Banfi, nominato rappresentate all’Unesco per l’Italia, si è aperto un focus sul valore dell’istruzione e del sapere. Zingaretti ha sottolineato che solo attraverso una ritrovata centralità della conoscenza, all’interno del nostro sistema politico-economico-sociale, si potrà creare un futuro reale per le nuove generazioni, offrendo valide opportunità lavorative che siano la vera risultante del livello di istruzione acquisito da ciascun giovane. La credibilità del partito democratico passerà, secondo il presidente della Regione Lazio, attraverso la tessitura di nuovi rapporti con la società civile, oltre al cambiamento dell’agenda politica attuale al fine di ritornare alla centralità perduta all’interno del panorama politico italiano. Alla fine dell’incontro Zingaretti ha fatto ammenda sul tema sicurezza, ammettendo quanto il Pd abbia gestito malamente il problema dell’insicurezza personale in un mondo iper globalizzato. Un ultimo appello è stato fatto dal candidato dem al lottare maggiormente per una nuova Europa, che metta al centro la difesa della persona contro l’economia globalizzata. Infine ha spiegato che il comitato ha scelto il nome “Piazza Grande” per rimarcare la centralità della lotta di piazza come metafora del ritornare alle origini, rimarcando così la vocazione sociale del Partito Democratico.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

O