La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 16 giugno 2019

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sabato 5 gennaio iniziano i saldi invernali

Dureranno fino al 28 febbraio, ma il momento clou sarà il week-end dell'Epifania

La Guida - Sabato 5 gennaio iniziano i saldi invernali

Cuneo – Con l’arrivo del nuovo anno, è già tempo di saldi invernali. A Cuneo partiranno sabato 5 gennaio, come in quasi tutta Italia: fanno eccezione solo Basilicata e Valle d’Aosta, che anticipano di qualche giorno, e la Sicilia, che invece aspetta il 6 gennaio. Nella Granda e in tutto il Piemonte dureranno fino a giovedì 28 febbraio. Come già lo scorso anno, il weekend della Befana si candida dunque ad essere quello clou, con la corsa all’affare per accaparrarsi i pezzi migliori prima degli altri. A fronte di quasi otto settimane di saldi, infatti, sono soprattutto le prime due le più gettonate, con il culmine il primo giorno, quando alcuni negozi vengono letteralmente presi d’assalto.
I dati pubblicati da Confesercenti prevedono una spesa media, in questi saldi, di 122 euro a persona, più rosee le aspettative di Confcommercio, che parla di 140 euro pro capite. Particolarmente elevata l’adesione di negozianti e consumatori a quello che, nonostante il cambiamento nelle abitudini di acquisto degli italiani, resta comunque un momento molto atteso.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.