La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 15 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Una proposta per insegnare l’educazione alla cittadinanza

Nei mesi scorsi l’Amministrazione Comunale cuneese ha aderito all’iniziativa popolare dell’Anci

La Guida - Una proposta per insegnare l’educazione alla cittadinanza

Cuneo – L’educazione alla cittadinanza può essere un utile strumento per creare cittadini più responsabili, aiutando gli studenti, già a partire dalle scuole primarie, ad una più completa comprensione del mondo e delle regole che lo delineano e compongono. Poiché, in un mondo sempre più sfaccettato e fluido, sarà sempre più necessario essere capaci di muoversi in modo consapevole tra i meandri della società contemporanea, cercando di conoscerla nel mondo più completo possibile. A questo proposito dal 22 novembre sarà possibile firmare per l’introduzione di tale insegnamento nelle scuole. Nei mesi scorsi l’Amministrazione Comunale cuneese ha infatti aderito alla proposta di iniziativa popolare promossa dall’Anci  per l’introduzione dell’educazione alla cittadinanza nelle scuole di ogni ordine e grado. La firme a sostegno della proposta di legge verranno raccolte all’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Palazzo Municipale (via Santa Maria 1) e, in collaborazione con l’Acli di Cuneo, giovedì 22 novembre, dalle 9 alle 12, presso la sede dell’Acli di piazza Virginio 13. 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.