La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 13 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Parte da Boves il Giro del mondo in fuoristrada

Toccherà 48 paesi in cinque continenti. Il 19 agosto il “taglio della torta” per tutti

Il percorso del Giro del mondo in fuoristrada

Boves -Domenica 19 agosto, ore 23.30, piazza Borelli. Parte da qui il giro del mondo degli amici “Liberi viaggiatori” del Club Totem e Tabù che in cinque anni porterà una trentina di persone lungo un viaggio nel mondo suddiviso in 26 tappe e con più equipaggi di quattro persone, che si alterneranno alla guida di un vecchio fuoristrada Toyota. Il viaggio-staffetta di oltre 200 mila chilometri toccherà 48 Paesi dei cinque continenti.
“I primi a partire – spiega Renzo Bisotto, animatore dell’iniziativa a cui parteciperà personalmente nel 2019 – saranno Roberto Cerato, Ezio Enrici, Armando Bruno (80 anni, il più anziano dei partecipanti) e il biellese Mauro Loropiana per una tappa che durerà 40 giorni e che li porterà alla mitica Samarcanda, nel cuore dell’Asia, in Uzbekistan. Qui incontreranno l’equipaggio della tappa successiva che da Samarcanda raggiungerà Dacca, nel Bangladesh, passando nel Tibet cinese (trenta giorni ipotizzati)”. Il loro percorso passerà per il Kighistan, Kasgar capitale della Cina del nord per poi arrivare a Katmandu passando per il campo base dell’Everest e l’Himalaya. Da Katmandu il viaggio proseguirà per Benares in India e da qui a Dacca. Nella terza tappa entrerà in scena anche Bisotto che da Dacca raggiungerà con un altro equipaggio Birmania, Thailandia e Malesia fino a Singapore. “Il nostro itinerario prevede dei trasbordi in nave con un container – continua Bisotto – come quello che faremo verso Pearl in Australia (due tappe) e poi ad aprile 2019 per raggiungere il Costarica. Da qui i vari equipaggi toccheranno il Nord ed il Sud America e poi ancora un trasbordo verso il Sudafrica (Città del Capo). Impiegheremo 10 tappe per risalire tutta l’Africa e raggiungere Dakar, in Marocco, da cui poi si arriverà in Spagna, Francia e infine a Boves. L’arrivo è previsto nella primavera 2023”.
Dall’Italia arriveranno in aereo di volta in volta i vari equipaggi e ciascuno di questi avrà un mese di tempo per portare il fuoristrada a una destinazione prefissata, quasi sempre in un’officina meccanica per registrare ed eventualmente riparare il mezzo. Per ora sono 5 gruppi composti da 4 persone, quindi una ventina di “liberi viaggiatori” ed alcuni gruppi hanno già prenotato più tappe, con l’idea di toccare ogni anno un continente diverso.
“Era da tanto tempo che pensavamo ad un vero giro del mondo – dice ancora Bisotto – e abbiamo trovato una formula che permetterà a tanti di partecipare a rotazione”. Con alcuni amici è stato acquistato il fuoristrada, un modello Toyota del 1989, ultimo modello realizzato senza elettronica, con motore diesel adatto anche a carburanti di scarsa qualità, buona meccanica e telaio rafforzato, ma soprattutto un mezzo semplice da riparare. Il veicolo revisionato è equipaggiato con una tenda a quattro posti letto e una cucina da campo, così da poter garantire autonomia ai viaggiatori.
Domenica sera alle 22,30 ci sarà il “taglio della torta” aperto a tutti in piazza Borelli e alle 23,30 il primo equipaggio partirà. Per chi resta, appuntamento qualche giorno dopo, giovedì 23 agosto alle 22 sotto il “pelerin” di piazza dell’Olmo, per una serata di diapositive di viaggio “To Est” (“Verso Est”) per raccontare i 40 mila chilometri in moto del grande viaggiatore Franco Ballatore. Si tenterà anche un collegamento via Skype con l’equipaggio del Toyota che dovrebbe essere arrivato vicino a Istanbul. Per tenersi aggiornati sul viaggio consultare la pagina di Totem e Tabù su Facebook.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.