La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 21 maggio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Uomini narcotizzati e rapinati, nei guai una minorenne e il suo complice

Due episodi (ma i casi potrebbero essere più numerosi) di 50enni avvicinati da una ragazza che diceva di avere 25 anni

La Guida - Uomini narcotizzati e rapinati, nei guai una minorenne e il suo complice

Cuneo – Un incontro apparentemente casuale, oppure la conoscenza a una cena, lo scambio di numeri, la possibilità di vedersi e magari un momento insieme a casa dell’uomo, che però poi veniva narcotizzato e derubato: i poliziotti della Questura di Cuneo sono riusciti a individuare una ragazza di origine rumena che viveva nel monregalese, minorenne (ma dimostrava un’età superiore e diceva di avere 25 anni, anche sul suo profilo Facebook), che si faceva chiamare Bianca, e il suo fidanzato e complice, un 25enne di origine albanese, che diceva di essere fratello della giovane e rimaneva nei pressi delle abitazioni prese di mira per queste rapine.
Per i due sono scattate le ordinanze di custodia cautelare (per lui in carcere, per lei in una comunità per minori al di fuori della nostra regione, anche se sta per compiere 18 anni), con le accuse di rapina in concorso e – solo per l’uomo – di estorsione. Due gli episodi accertati e denunciati, avvenuti poco meno di due mesi fa, ma potrebbero essere più numerosi i casi: i poliziotti invitano a denunciare fatti simili, superando la vergogna del raggiro.
I due uomini, cuneesi, sui 50-55 anni, erano stati avvicinati in un caso al supermercato e nell’altro a una cena: i contatti avevano portato a un appuntamento a casa, la ragazza aveva lasciato intendere la disponibilità ad andare oltre l’amicizia ma poi aveva dato da bere all’uomo, in un bicchiere di vino o di birra, un potente psicofarmaco, per narcotizzarlo. In un caso, la vittima aveva dormito per una decina di ore; la sostanza avrebbe anche potuto mettere a rischio la salute dei malcapitati.
Al risveglio uno dei due si era ritrovato derubato di portafogli e carta di credito, e ha presentato denuncia, dando il via alle indagini; all’altro, amico del primo, era stata portata via anche l’auto, poi restituita, ma solo dopo un confronto con il ragazzo, con tanto di tentativo di estorsione e minaccia di una denuncia per rapporti sessuali con minori (mai avvenuti, secondo quanto emerso dalle indagini).

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.