La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 23 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il 76% dei Comuni ha scelto l’acqua pubblica

Dibattito acceso all’assemblea dei sindaci con 119 sì, tra cui tutte le sette sorelle, e 59 no alla gestione in house del servizio

Cuneo – Dal 2018 al 2047 in provincia sarà acqua pubblica. Lo ha deciso l’assemblea dei sindaci della Granda convocata per chiudere un’assemblea di fatto aperta già venti giorni fa, l’8 marzo. La discussione era iniziata subito dopo che la Conferenza d’Ambito aveva approvato senza voti contrari, ma solo con quattro astenuti, il nuovo Piano d’Ambito trentennale, e ieri pomeriggio, mercoledì 28 marzo, ha votato con una presenza mai così alta: 188 sindaci presenti che rappresentano il 90,68% del territorio provinciale (in realtà 65,68% per quanto riguarda i Comuni e il 25% in quota alla Provincia). Sono 119 i comuni che hanno votato a favore della gestione tutta pubblica dell’acqua con affidamento in house, che corrispondono a una percentuale di rappresentanza territoriale del 76,19% del totale della provincia. Hanno votato l’ordine del giorno proposto direttamente dell’Ato4 e letto attentamente dal presidente Bruna Sibille.

Gli altri hanno votato contro la proposta esprimendo perplessità, carenza di notizie e dati e indicando che la strada che avrebbero preferito era una società mista. Sono stati 59 Comuni che corrispondono al 12,01% del totale della provincia. Due sono stati i comuni che si sono astenuti per lo 0,55% della rappresentanza e 8 sindaci sono andati via prima che si aprisse la votazione nominale.
I rimanenti, si tratta di 60 comuni più i due commissariati (Elva e Castelmagno) non si sono neppure presentati all’appuntamento.
In sostanza sul 90% dei sindaci rappresentati oltre il 76% ha detto sì ed è quello il dato che conta, e il rimanante circa 14% ha votato contro o si è astenuto.

Servizio su La Guida di giovedì 29 marzo, disponibile in edizione cartacea  e digitale

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.