La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 15 dicembre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Abolito l’obbligo della visita sportiva per i bambini fino ai sei anni

La decisione per promuovere l'attività fisica in età prescolare

La Guida - Abolito l’obbligo della visita sportiva per i bambini fino ai sei anni

Tramite Decreto del Ministero della Salute, emanato di concerto con il Ministero dello Sport, è stato abolito l’obbligo della certificazione medica per l’esercizio dell’attività sportiva in età prescolare (bambini di età compresa fra zero e sei anni), salvo i casi specifici indicati dal pediatra. In pratica, per svolgere attività sportiva fino ai sei anni di età non sarà più necessario presentare il certificato di idoneità alla pratica sportiva non agonistica. L’obbligo scatterà quindi al compimento anagrafico dei sei anni, resta fermo l’obbligo di visita medica per la pratica sportiva agonistica previsto dalla legge (per il calcio, attualmente, è obbligatorio a partire dai 12 anni). La decisione di considerare l’attività sportiva in età prescolare quale attività sportiva non soggetta ad obbligo di certificazione è giunta su impulso della Federazione Italiana Medici Pediatri, per assecondare la necessità di promuovere l’attività fisica organizzata dei bambini e di facilitare l’approccio all’attività motoria costante fin dai primi anni di vita, nonché con il proposito di non gravare i cittadini e il servizio sanitario nazionale di ulteriori onerosi accertamenti e certificazioni.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.