La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 28 maggio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Roberto Serniotti ritorna sulla panchina del Cuneo volley

Lunedì 12 febbraio, alle 18.30, la presentazione del nuovo tecnico del Cuneo volley maschile.

Roberto Serniotti

Cuneo – Lunedì 12 febbraio, alle 18.30, nella sede dell’asd Cuneo Vbc, in via Cascina Colombaro 34 (presso l’agenzia Generali) la società di pallavolo maschile cittadina presenta il nuovo allenatore che prenderà il posto di Gigi Pezzoli. Alla conferenza stampa sono invitati anche i tifosi del volley cuneese.

Sulla panchina cuneese ritorna un coach di grande prestigio nel volley internazionale come quello di Roberto Serniotti, 55 anni, torinese ma residente a Borgo San Dalmazzo, che proprio a Cuneo iniziò la sua esperienza ad alto livello come secondo allenatore in Serie A1  (dal ’92 al ’99) e poi come allenatore della prima squadra nel 99-2000, prima di vivere esperienze importanti e vincere trofei in Grecia al Panathinaikos, in Francia al Tours (3 stagioni, con la vittoria di una storica Champions League), in Russia (Jaroslavic), in Germania (Charlottenburg, due titoli nazionali), in Polonia (Asseco Resovia) oltre che in Italia (Roma, Taranto, Trentino). Nel sue palmares spiccano 2 titoli nazionali in Italia e 2 in Germania, 3 mondiali per club, 2 Champions League, 2 Coppe Cev, Coppe nazionali in Italia, Francia e Germania.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.