La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 22 luglio 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I candidati alle prossime elezioni pensino anche alla montagna

Lettera aperta dei rappresentanti del “Coordinamento Gente di Montagna”

La Guida - I candidati alle prossime elezioni pensino anche alla montagna

Qualcuno ha sentito parlare delle “questione montana” in questa campagna elettorale? Nessuno! Eppure in Italia, che ha più del 50% del territorio rugoso, non è solo questione di Nord o di Sud, ma anche di Monte e di Piano.

Nonostante un tiepido ritorno di interesse per il Monte, la politica nazionale e la gran parte dell’opinione pubblica italiana hanno un’idea piuttosto distorta della montagna.

Per qualcuno è opportuno puntare ad un “deserto verde” sui monti, per altri le valli sono il loro “parco giochi”.

Le lobby sono queste due, altro non è dato e in questo scenario coloro che il Monte vivono non solo non hanno voce in capitolo, ma neppure sono interpellati sul loro destino.

Se questa nostra ipotesi è corretta, la presenza del montanaro è d’impaccio, che sia per questo che nessuno dei partiti e dei candidati ha in agenda la “questione montana” intesa come possibilità di vivere il Monte?

Eppure mai come in questo momento storico sarebbe urgente trovare il modo di indirizzare in spirale positiva tutte le energie della Nazione per pensare un avvenire possibile e un nuovo patto tra Monte e Piano si impone.

Perché non parlare anche di questo in una campagna elettorale fatta di promesse?

Proposte dal Monte ne sono state fatte, sarebbe questo il tempo di aprirsi al confronto su di esse.

Decine di Comuni su tutto l’arco alpino, ad esempio, hanno chiesto di attuare la legge nazionale per la montagna, cominciando dalle agevolazioni fiscali previste, la “legge Carlotto”.

Obiettivo di quella legge sono le “…insopprimibili esigenze di vita civile delle popolazioni residenti”, vogliamo partire da li? Qualcuno dei candidati ha qualcosa da dire al riguardo?

I Monti sono stati il rifugio della democrazia che è scesa a valle con la resistenza e un debito enorme di riconoscenza rimane ancora da saldare.

Questo silenzio, da quassù, non è accettabile.

 

Per il “Coordinamento Gente di Montagna”

 

Mariano Allocco

 

 

Al Coordinamento Gente di Montagna fanno riferimento amministratori e montanari dell’arco alpino e le associazioni:

ADIALPI, Giovanni Dalmasso,

Alte Terre, Giorgio Alifredi,

Comitato Tutela Langa e Alta Langa, Giuseppe Molinari,

Pasturs de Blins, Cristiano Peyrache,

Val Varaita Trekking, Cecco Dematteis,

Comitato Papiro di Paesana, Fabio Gottero.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.