La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 20 giugno 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Fulvio Molinengo candidato sindaco a Borgo

La Guida - Fulvio Molinengo candidato sindaco a Borgo

Cuneo – Fulvio Molinengo, 67 anni, ex direttore generale della Fondazione Crc, ha deciso, si candida a sindaco di Borgo San Dalmazzo. Non si sa ancora nulla su nome e gruppo mqa soltanto che in appoggio avrà sicuramente una lista civica che sarà sostenuta quasi sicuramente da quegli assessori che hanno deciso di non proseguire il proprio cammino con Beretta. Molinengo che con entusiasmo si prepara alla candidatura dice "per dare voce a quei tanti borgarini che non si sono sentiti rappresentati da questa amministrazione, ma anche per dare a una città come Borgo un’alternativa alla lista unica", ritorna a fare politica attiva dopo aver lasciato nel 2000, quando come lavoro dalla Cassa di Risparmio passò alla Fondazione Crc. Molinengo era stato in Consiglio comunale per quindici anni dal 1985 al 2000, all’opposizione di Borgogno prima con il candidato sconfitto Walter Cesana, e poi a fianco di Pierpaolo Varrone, poi diventato sindaco nel 2002, per due mandati. In pensione dal 2015 ci riprova con una lista che potrebbe contare anche sull’appoggio delle liste dell’attuale opposizione Beretta. Mentre a Borgo i 5Stelle sembrano in difficoltà sulla presentazione di liste e candidato.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.