La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Protezione civile al lavoro dopo la bufera d’aria

La Guida - Protezione civile al lavoro dopo la bufera d’aria

Dopo la bufera d’aria che, lo scorso lunedì, ha colpito parte del Cuneese e del Monregalese, si cerca di ricucire le ferite, mettendo in sicurezza le aree bersagliate dal devastante e improvviso fenomeno. Le forti raffiche di vento, fino a 135 chilometri orari, hanno provocato ingenti danni a molte strutture, soprattutto private. I vari organismi di protezione civile sono stati attivati poco dopo le 14.30, quando è scattato l’allarme per affrontare l’emergenza. Seguendo i modelli e i protocolli di intervento ormai collaudati la loro opera è stata preziosa e sollecita: attraverso la gestione e il coordinamento delle informazioni hanno provveduto ad aiutare le persone in difficoltà e a ripristinare le numerose strade interrotte dalla caduta degli alberi.Il Soccorso Alpino del presidente regionale, Luca Giaj, è entrato in azione sugli impianti da sci di Prato Nevoso con 26 volontari altamente specializzati che, in collaborazione con gli addetti delle piste, il 118 e un elicottero di supporto, hanno “liberato” 135 persone rimaste bloccate sulla seggiovia del Rosso. Il Coordinamento provinciale di protezione civile, guidato da Roberto Gagna, si è fatto carico di prestare servizio con 67 volontari nei Comuni di Cuneo, Peveragno, Boves, Chiusa Pesio e Frabosa Sottana. Il lavoro? Rimuovere gli alberi caduti sulle carreggiate stradali e sgomberare diverse aree dai mucchi di rami che si sono spezzati durante il crollo delle stesse piante. Infine, le squadre Antincendi Boschivi (Aib), con a capo l’ispettore regionale Sergio Pirone, hanno operato in 22 località con 65 uomini, supportati da 30 mezzi. Gli interventi di ripristino e di messa in sicurezza stanno continuando in questi giorni.“Ringrazio – sottolinea l’assessore piemontese alla Protezione Civile, Alberto Valmaggia – tutto il sistema regionale del settore che, ancora una volta, è intervenuto in modo tempestivo e generoso: dal personale sanitario ai Vigili del Fuoco; dalle Forze dell’Ordine ai volontari dei vari Corpi. Tutti sempre in prima linea nel prestare aiuto a chi è in difficoltà nelle situazioni di emergenza”.       

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.