La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 ottobre 2018

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il Pass del Piemonte è operativo

La Guida - Il Pass del Piemonte è operativo

Dallo scorso mese di settembre il Posto Assistenza Socio Sanitaria (Pass) del Piemonte è entrato a far parte della Colonna Mobile Regionale di Protezione Civile ed è diventato operativo nel sistema nazionale della stessa Protezione Civile. L’allestimento delle strutture, che hanno l’obiettivo di garantire l’assistenza sanitaria di base e quella sociosanitaria alle popolazioni colpite da catastrofi, è stata disposta dalla Direttiva del Presidente del Consiglio del 6 aprile 2013. La preparazione dei moduli avviene nei periodi in cui non vi sono emergenze, per essere immediatamente disponibili in caso di necessità. Il Pass del Piemonte è nato dalla proposta del Coordinamento Territoriale del Volontariato Protezione Civile di Cuneo, presieduto da Roberto Gagna. Ha ottenuto l’ok operativo dalla Regione dopo la verifica di buon funzionamento nell’esercitazione antisismica di tre giorni effettuata, a giugno, con area di concentramento il Comune di Perosa Argentina e la simulazione di un terremoto di magnitudo 5.5 il cui  epicentro era nel Pinerolese. Calamità purtroppo verificatasi concretamente ad agosto nel Centro Italia e per la quale il Pass era pronto a entrare in azione, ma l’intervento non è stato richiesto dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile. Il Pass piemontese completa il dispiegamento sanitario di emergenza, collocandosi accanto alle strutture mediche di primo soccorso (Posti Medici Avanzati, Ospedali da Campo), sostituendo e integrando le strutture dei Servizi Sanitari Regionali delle aree colpite. L’organizzazione è modulare ed è in grado di fornire, con livelli crescenti di complessità, la dotazione logistica, la strumentazione, gli ambulatori e il personale medico-infermieristico delle specializzazioni di Medicina generale, Pediatria, Ginecologia e Ostetricia consultoriale, Fisioterapia, Psicologia, Assistenza Sociale e Presidio Farmaceutico.Il supporto organizzativo, tecnico e logistico con uomini, mezzi e attrezzature per il trasporto, il montaggio e il funzionamento della struttura piemontese, con i moduli di servizio collegati, come le cucine, i wc, gli alloggi, è assicurato dal Coordinamento Provinciale dei Volontari di Protezione Civile di Cuneo, in accordo e, quando necessario, con il supporto del Coordinamento Regionale del Piemonte. L’attivazione avviene attraverso la formale richiesta del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile. “Con il riconoscimento ufficiale del Pass da parte della Regione Piemonte – sottolinea il presidente del Coordinamento di Cuneo, Roberto Gagna – si completa un lungo iter logistico-organizzativo per poter mettere a disposizione delle popolazioni colpite da calamità e catastrofi un prezioso strumento di assistenza”.Soddisfatto anche l’assessore piemontese alla Protezione Civile, Alberto Valmaggia: “Il Pass è stato sperimentato con successo a giugno e aggiunge un altro tassello importante ai servizi che la Protezione Civile della Regione può attivare nelle situazioni di emergenza”. Due esercitazioni del Coordinamento Volontari di Protezione Civile di Cuneo a Dogliani e RodelloIntanto, il Coordinamento Provinciale di Cuneo continua il grande lavoro di prevenzione sul territorio con due esercitazioni. La prima – “Rea sicura 2016” – è in programma, sabato 8 e domenica 9 ottobre, sul torrente Rea nei Comuni di Dogliani e di Murazzano. Vi prenderanno parte 200 volontari. La seconda – “Belbo, Berria e rii minori” – è in cantiere sabato 22 e domenica 23 ottobre a Rodello e in una decina di Comuni vicini. E’ prevista la presenza di altri 200 volontari.

Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.