La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La Francia va a sinistra ma in Provenza-Alpi-Costa Azzurra avanza l’estrema destra

In Francia il secondo turno del ballottaggio rivoluziona completamente le previsioni portando al primo posto la sinistra del Nuovo Fronte Popolare

Tenda

La Guida - La Francia va a sinistra ma in Provenza-Alpi-Costa Azzurra avanza l’estrema destra

In Francia il secondo turno del ballottaggio rivoluziona completamente le previsioni portando al primo posto la sinistra del Nuovo Fronte Popolare, e relegando al terzo posto la favoritissima Marine Le Pen e il suo partito di estrema destra Rassemblement National, dietro anche a Ensemble del presidente Macron. Il Nuovo Fronte Popolare vince 182 seggi, 168 sono per Ensemble mentre il partito di Le Pen si ferma a 143 seggi e i Républicains sono a 60. Sono tutti lontani dai 289 seggi necessari per la maggioranza assoluta per questo si creeranno alleanze che per ora sono solo ipotizzabili tra la sinistra e i centristi di Macron.
I seggi parlamentari in Provenza-Alpi-Costa Azzurra però, dove si è votato al secondo turno perché quasi tutti erano già stati assegnati al primo turno, l’estrema destra prevale nettamente. a Due anni dalle elezioni precedenti Rassemblement National passa da 21 a 30 seggi riuscendo quasi a fare il cappotyo. a Nizza di impone al secondo turno Eric Ciotti con il 45,14% dei voti, mentre nelle Alpi Marittime 9 su 9 sono i parlamentari della destra, 3 a Rassemblement National, 3 all’Union de l’extreme droit, e 3 ai Républicains, di destra ma non dell’area “ciottista” che ha fatto l’accordo con Le Pen e Bardella. Nel dipartimento del Var Rassemblement National conquista sette seggi lasciando solo un seggio ai macroniani.
In Valle Roya unioco  paese ad avere votato la sinistra, già al primo turno, è Saorge con il 58,85% a Virginie Parent, nettamente davanti a Alexandra Masson, poi eletta nel resto della valle, ferma al 19,23% con Rassemblement National.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente