La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 25 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sanità in capo allo Stato, nuovi ospedali con fondi pubblici, salario minimo, borse di studio e sostegno ai più fragili

Nel programma della candidata del Movimento 5 Stelle Sarah Disabato anche il completamento del Tunnel di Tenda e dell’autostrada Cuneo-Asti

Cuneo

La Guida - Sanità in capo allo Stato, nuovi ospedali con fondi pubblici,  salario minimo, borse di studio e sostegno ai più fragili

Diritti, declinati nei temi della sanità, della scuola, del trasporto pubblico, è la parola chiave del programma elettorale di Sarah Disabato, candidata del Movimento 5 Stelle.

Come per gli altri candidati sanità al primo posto. “Il Movimento 5 Stelle varerà un vero e proprio piano di rilancio della sanità pubblica dopo anni di gestione alla giornata – scrive nel suo programma la candidata Disabato -. Il centrodestra e il centrosinistra hanno svenduto la sanità al privato e l’edilizia sanitaria è un esempio eclatante, con i progetti di partenariato pubblico privato per finanziare la realizzazione dei nuovi ospedali. Per il M5S gli ospedali vanno costruiti con fondi pubblici  e la gestione della sanità deve tornare in capo allo Stato. Sul diritto alla salute le priorità sono chiare: stop al ricorso alle cooperative di gettonisti, fuori i privati dalla sanità pubblica, reinternalizzare i servizi partendo dal Centro unico di prenotazione, abbattere le liste d’attesa, investire sulla telemedicina e incentivi al personale”.

Sul tema lavoro il Movimento 5S punta il faro sulle crisi aziendali che si sono verificate in questi ultimi anni e si pone l’obiettivo di richiamare le imprese alla loro responsabilità sociale nei confronti di lavoratrici e lavoratori; istituire un fondo speciale per cassaintegrati e a rischio disoccupazione; mettere in campo interventi per  rimuovere gli ostacoli per la partecipazione attiva delle donne nel mercato del lavoro; garantire un salario minimo; incentivazione dello smart working; promozione dei Distretti del commercio; creazione di un  bonus “Made in Piemonte”; sostegno ai crediti incagliati Superbonus.

Per quanto riguarda il diritto allo studio e l’istruzione torna il tema delle borse di studio, “da erogare senza ritardi” e i voucher scuola per i libri di testo e i trasporti che “vanno garantiti a tutti coloro che ne hanno diritto”.

Proposte anche sul welfare, in particolare per il sostegno alle persone più fragili: maggiori investimenti pr sostenere economicamente le famiglie con persone non autosufficienti a carico; agevolare e velocizzare l’ingresso delle persone non autosufficienti in Rsa e comunità terapeutiche;  rafforzare le cure domiciliari; potenziare i consultori; implementare il numero dei medici di Medicina Generale e dei pediatri di libera professione; garanzia di prestazioni Extra Lea; potenziamento del progetto “Farmacia dei servizi”.

Sul tema trasporti il M5S propone la riattivazione delle linee ferroviarie sospese e il potenziamento di quelle esistenti, l’emissione di un biglietto unico regionale, il completamento dell’Asti-Cuneo e della seconda canna del tunnel di Tenda.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente