La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 22 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il dramma dei “desaparecidos” raccontato agli studenti del Bonelli

La testimonianza di argentini e cileni che hanno vissuto il dramma e la violenza delle dittature di Videla e Pinochet

Cuneo

La Guida - Il dramma dei “desaparecidos” raccontato agli studenti del Bonelli

Martedì 14 maggio un gruppo di studenti dell’istituto “Bonelli” ha partecipato a un incontro sulle dittature militari in America Latina negli anni ’70. A raccontare il dramma della dittatura di Videla in Argentina e di Pinochet in Cile sono stati gli argentini Norma Moszkowski, Graziella Alciati (per il marito Josè Louis Bonatto), Cecilia Diaz e il cileno Juan Carlos Gutierrez.
I relatori hanno rievocatoquegli anni di sofferenze e di paure e hanno spiegato ai ragazzi quanto sia importante difendere i diritti naturali di ogni uomo, in particolare quello della libertà, non ancora scontata in qualche nazione. Ha iniziato l’incontro la signora Norma Moszkowski, che ha raccontato la sua esperienza, ciò che hanno fatto le madri di Plaza de Majo e l’associazione dei figli dei desaparecidos, oggi ancora attive in Argentina.
Graziella Alciati ha ricordato l’esperienza di suo marito (non presente perché malato), che è stato un desaparecido argentino e che si è salvato perché “scambiato” con altri giovani con una turbina italiana. Lui porta sul corpo e nel cuore i segni delle torture, delle offese, delle violenze: a 44 anni è stato colpito da un ictus, probabilmente causato dalle centinaia di bastonate ricevute in quegli anni di detenzione all’Esma di Buenos Aires. Anche le gambe hanno risentito delle torture subite: ora lo reggono a stento, ma il suo spirito è ancora forte, combattivo come quello di allora. Sono questo spirito e questa fiducia nella pace e nella libertà che gli hanno permesso di resistere per tanto tempo alle torture e di salvarsi: Graziella, ricordando il suo pensiero, ha ricordato ai ragazzi quanto importante sia ieri come oggi l’amore per gli ideali e la capacità di perdonare. Suo marito ha perdonato chi gli ha fatto del male, perché il male non va lontano. Molti torturatori negli anni sono stati travolti dai rimorsi e dai fantasmi delle loro violenze… vivere così è già una punizione.
Juan Carlos Gutierrez ha raccontato cos’è successo in Cile sotto la dittatura di Pinochet: lui era un giovane universitario ai tempi del regime e sarebbe sicuramente finito allo stadio di Santiago del Cile se sua madre non gli avesse impedito di uscire la mattina della manifestazione studentesca e non l’avesse chiuso in casa. Tutti i compagni di scuola, infatti, che avevano partecipato alla dimostrazione, finirono allo stadio e molti di loro morirono nelle carceri clandestine dopo indicibili torture. Gutierrez ha ricordato anche il clima di tremenda tensione in cui i giovani vivevano, il coprifuoco e il terrore di uscire, la paura sotto il regime militare di parlare e di esprimersi. Queste paure, dopo il suo trasferimento in Italia, gli sono rimaste per parecchio tempo, perché il trauma che la violenza della dittatura lascia nei giovani e in chi la subisce resta per sempre. Per questo Gutierrez ha fatto riflettere i ragazzi sull’importanza che aprano gli occhi e credano nella solidarietà e nella democrazia; il diritto alla libera espressione del pensiero è un diritto conquistato con il sacrificio di tante persone: conservarlo vuol dire rispettare il dolore di chi è morto per ottenerlo o nel difenderlo.
Cecilia Diaz, argentina, ha vissuto in prima persona quei tristi anni: era una bambina quando venne instaurato il regime militare a Buenos Aires. La sua casa venne perquisita due volte dai militari e sempre nel cuore della notte; uno zio e una zia, giovani studenti universitari a quei tempi, vennero “prelevati” da casa e portati nelle carceri clandestine, dove furono torturati, picchiati, insultati… e trascorsero molti anni in carcere.
“Le prime azioni che hanno fatti i militari davanti a noi bambini – ha ricordato Cecilia – è stato bruciare i libri nelle piazze, perché i libri, la cultura portano all’autonomia dell’uomo e al libero pensiero. Mio papà nascose i nostri libri in un buco nel cortile e ci mise sopra una copertura di cemento perché se lo avessero scoperto sarebbe morto per un’azione simile: ora i nostri testi, la nostra cultura, i nostri sogni sono ancora là, sotto quel pavimento in cemento, pronti a riemergere da un momento all’altro. I dittatori cercano di tenere il popolo nell’ignoranza perché solo un popolo senza cultura crede senza porsi domande a ciò che gli viene detto: per questo è importante leggere e informarsi senza paraocchi e con spirito critico.
“Grazie di cuore agli intervenuti, perché senza la loro testimonianza diretta il discorso sulle dittature militari non avrebbe trasmesso la negatività e l’orrore che contengono. È grazie alla collaborazione con le persone che sono disponibili a testimoniare che si fa la storia, quella vera, quella di chi l’ha vista e vissuta”, ha sottolineato la dirigente del “Bonelli”, prof.ssa Maria Angela Aimone.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente