La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 19 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Tenda bis, tutti assolti

La Corte d'Appello ha ribaltato la sentenza di primo grado del Tribuale di Cuneo che aveva condannato i cinque imputati accusati di furto, ancora aperta l'inchiesta per truffa ai danni dello Stato e frode

Limone Piemonte

La Guida - Tenda bis, tutti assolti

La Corte d’Appello di Torino chiamata questa mattina (giovedì 9 maggio) a pronunciarsi sulla maxi inchiesta del Tenda Bis ha ribaltato l’esito del processo di primo grado del tribubale di Cuneo e ha assolto tutti gli indagati.
L’inchiesta si era aperta a maggio 2017 dopo il sequestro del cantiere del Tenda da parte della Guardia di Finanza.
In primo grado tutti gli imputati erano stati condannati per i furti sul cantiere di alcune centine, le basi di appoggio destinate alla realizzazione della galleria del Tenda. Il 13 gennaio del 2022 il giudice Sandro Cavallo del Tribunale di Cuneo aveva condannato il direttore A.F., il capo cantiere A.P e i due operai L.M e N.D.R. (tutti dipendenti della Granda Lavori Fincosit) alla pena di 4 anni e 1.000 euro di multa per il reato di furto (più 3 mesi di arresto per il direttore per violanzione delle norme in materia ambientale), mentre per lo stesso capo d’imputazione il capo cantiere G.A. era stato condannato a 3 anni e 2 mesi e 600 euro di multa. In merito alla violazione delle norme di conservazione dell’esplosivo, A.F., G.P. e L.M. erano stati condannati a un mese e 15 giorni,. Per tutti gli imputati era arrivata anche la sanzione della interdizione dai pubblici uffici per 5 anni.
I difensori avevano presentato appello e oggi la Corte d’Appello di Torino assolto gli indagati derubricando i furto in appropriazione indebita e pronunciando il non doversi procedere per mancanza di querela. I reati legati alla detenzione di esplosivi e allo smaltimento dello smarino sono invece entrati in prescrizione e quindi estinti.
La decisione odierna riguarda la prima parte dell’inchiesta (furto di materiale ferroso, detenzione illegale di materiale esplosivo e illeciti nello smaltimento di rifiuti ndr), la parte più “pesante”, quella relativa ai reati di falso ideologico e truffa ai danni dello Stato, attentato ai pubblici trasporti, frode in pubbliche forniture e falsificazioni sulle certificazioni è ferma al Tribunale di Torino. La conclusione dell’istruttoria è prevista per il 15 giugno, una corsa contro il tempo visto che la prescrizione scatterà a gennaio 2025.

 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente