La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 17 aprile 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Servono più controlli e più ispettori”, i sindacati contro le tragedie sul lavoro

Presidio questa mattina (mercoledì 21 febbraio) a Cuneo davanti all'Ispettorato del Lavoro Territoriale dove oggi operano 11 addetti contro una pianta organica che ne prevederebbe 30

La Guida - “Servono più controlli e più ispettori”, i sindacati contro le tragedie sul lavoro

Cuneo – Oggi (mercoledì 21 febbraio) a Cuneo, così come in tante altre città italiane, si è svolto un presidio di Cgil e Uil di fronte agli uffici dell’Ispettorato del Lavoro Territoriale per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della sicurezza sul lavoro e a evidenziare la reale mancanza di volontà della politica ad affrontare il problema. I lavoratori edili e metalmeccanici sciopereranno nelle ultime due ore del proprio turno per protestare contro l’ennesima strage.
Un iniziativa per denunciare l’aumento delle morti sul lavoro (155 vittime da inizio anno) e promossa dopo la tragedia nel cantiere dell’Esselunga di Firenze di venerdì 16 febbraio in cui hanno perso la vita 5 operai.
“Una strage che non tende a fermarsi e che colpisce i settori in cui si annida maggiormente il lavoro più duro e spesso il più povero – denunciano i segretari provinciali di Cgil, Uil, Fillea Cgil, Feneal Uil in una nota inviata ai giornali -. Ora si inizierà il nuovo valzer di accuse e di caccia ai colpevoli. Seguirà il silenzio e i tempi lunghi della giustizia per accertare la verità processuale. Nel frattempo mentre altre famiglie piangono i loro congiunti, il sistema degli appalti e dei subappalti selvaggi che si regge sull’unica regola del taglio indiscriminato dei costi, continua ad alimentare un mercato del lavoro fatto di persone fragili e ricattabili che mettono a rischio la propria vita pur di avere un impiego mal pagato”.
“Il tempo delle chiacchiere è finito – ha sottoineato Nicola Gagino, segretario generale Fillea Cgil Cuneo durante la manifestazione -. I cantieri sono luoghi di lavoro e non devono essere luoghi di morte frequentati da lavoratori in grigio e in nero, con finte partite Iva, vittime di un Far west legislativo che leva dignità al lavoro e lo squalifica a mera merce da piegare al profitto e alla velocità di realizzazione delle opere. Abbiamo lanciato una sfida al Governo: estendere anche ai cantieri privati le tutele previste per l’esecuzione dei lavori pubblici (ndr Artt. 41 e 119 del Codice degli Appalti): il Governo può raccoglierla e l’Opposizione può votare a favore”.
Salvatore Correnti, segretario generale Feneal Uil Cuneo: “Servono pene più severe per i responsabili di queste vere e proprie stragi di lavoratori. I subappalti a cascata, assegnati al massimo ribasso dei costi, giocano una macabra partita sulla pelle delle persone. Sui cantieri si corre per finire anzitempo i lavori, aumentando esponenzialmente il rischio di infortuni. La sicurezza sul lavoro deve diventare materia di studio nel percorso scolastico dei nostri giovani per favorire un cambiamento di mentalità collettiva sul tema che deve spingere a una svolta il mondo imprenditoriale, il Governo, la politica tutta nel suo insieme”.
Tra le criticità maggiori evidenziate dai sindaati ci sono il tema dei controlli e della carenza di personale ispettivo. “Vanno potenziati gli organici degli Organismi di Vigilanza e aumentati il numero dei controlli nei luoghi di lavoro. Un esempio per tutti: l’Ispettorato Territoriale di Cuneo impiega attualmente 11 persone a fronte di una pianta organica formale che dovrebbe contare 30 addetti. Tra le altre manca la figura dell’Ispettore Tecnico, funzionario che dovrebbe occuparsi dei controlli sui cantieri… L’ipocrisia che accompagna il dibattito del giorno dopo il verificarsi delle stragi sta diventando insopportabile e trasmette un senso di impotenza e di inerzia della politica, allontana le lavoratrici e i lavoratori dalle Istituzioni e aumenta le responsabilità e le complicità che produrranno i prossimi morti. Serve che la politica torni a occuparsi di lavoro partendo dalle persone e dalla tutela della loro salute e sicurezza. Si possono fare azioni positive anche sul territorio. Da mesi le nostre organizzazioni confederali cuneesi stanno sollecitando la Provincia affinché si dia avvio a un osservatorio permanente per il monitoraggio della sicurezza sul lavoro. Attendiamo risposte certe e fatti concreti”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente