La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 20 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il cuneese Nicolò Bertorello alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

Il giovane frutticoltore di Revello era già stato selezionato dall'Organizzazione Mondiale degli Agricoltori per partecipare al programma internazionale di formazione per i futuri leader del settore agricolo

La Guida - Il cuneese Nicolò Bertorello alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici
Cuneo – Raggiunto l’accordo sul documento finale, si chiude a Dubai la COP28 per il clima alla quale ha preso parte anche un giovane imprenditore della Coldiretti Cuneo, selezionato nel febbraio scorso dall’Organizzazione Mondiale degli Agricoltori (OMA) fra i 20 agricoltori under 35 da tutto il mondo per il Gymnasium, programma internazionale di formazione per i futuri leader nel settore agricolo.
È il frutticoltore di Revello Nicolò Bertorello, membro del Comitato provinciale Giovani Impresa della Coldiretti, che ha avuto l’opportunità di partecipare ai lavori del più rilevante tavolo sui cambiamenti climatici a livello globale, la COP28. “Ringrazio la Coldiretti e l’Organizzazione Mondiale dell’Agricoltura per l’esperienza straordinaria che ho vissuto a Dubai, dove ho avuto l’onore di portare la voce e il punto di vista di migliaia di agricoltori italiani” è il commento a caldo di Bertorello, che spiega: “Ho illustrato come la nostra agricoltura si stia adattando ai cambiamenti climatici in atto e quale ruolo rivestiamo noi giovani nel mitigarne le conseguenze puntando sulla sostenibilità ambientale delle nostre aziende”.
Trent’anni, laureato in Scienze Agrarie, Nicolò Bertorello conduce l’azienda di famiglia assieme ai genitori e allo zio – spiega la Coldiretti – con una particolare inclinazione alle sperimentazioni; ne è un esempio l’innovativo impianto di serre sospese sulle piante di kiwi che, riducendo l’umidità, punta a contenere le problematiche della moria e della batteriosi.
L’accordo sul documento finale della COP28 è stato raggiunto nell’anno che si appresta a classificarsi come il più caldo mai registrato nel pianeta con la temperatura record sulla superficie della terra e degli oceani, superiore di 0,13 gradi rispetto al 2016 che deteneva il primato fino ad ora, secondo l’analisi della Coldiretti sulla base dei dati del Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus nei primi undici mesi del 2023. La tendenza al surriscaldamento è evidente anche in Italia dove il 2023 si classifica fino ad ora al secondo posto tra gli anni più caldi dal 1800 con una temperatura superiore di 1,05 gradi la media storica da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1800, secondo l’analisi della Coldiretti sui dati ISAC CNR nei primi undici mesi. Un andamento che è destinato a cambiare la classifica degli anni più roventi negli ultimi due secoli in Italia che si concentra nell’ultimo decennio e comprende fino ad ora nell’ordine secondo l’analisi della Coldiretti il 2022, il 2018, il 2015, il 2014, il 2019 e il 2020.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente