La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 18 maggio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Insultò il Carabiniere che chiedeva il green pass, condannato

L'uomo fece un riferimento al consumo di droga da parte di un militare, presente nel locale, e lo invitò a sottoporsi a un test antidroga

La Guida - Insultò il Carabiniere che chiedeva il green pass, condannato

Clavesana – Indispettito dal fatto che i Carabinieri fossero entrati nel suo locale a controllare i green pass dopo la chiusura, mentre stava cenando con due amici, pronunciò una frase oltraggiosa nei confronti di un Carabiniere senza accorgersi, complice la mascherina a coprire il volto, che il militare insultato era in realtà proprio davanti a lui; per questo motivo P. F. è stato rinviato a giudizio con l’accusa di oltraggio a pubblico ufficiale. I fatti risalgono a febbraio 2022 quando era ancora in vigore l’obbligo del green pass per accedere a locali pubblici. Erano da poco passate le 21, il proprietario aveva chiuso la cassa e stava mangiando insieme a due amici quando i due militari entrarono e chiesero il green pass. L’uomo indispettito dalla presenza dei militari disse che “avrebbero dovuto andare a controllare il loro collega… che comprava la droga dal marocchino di Dogliani”. In realtà il militare cui aveva fatto riferimento era proprio davanti a lui, non riconoscibile perché aveva il volto coperto dalla mascherina. Secondo la testimonianza del militare però le cose non andarono meglio quando si abbassò la mascherina rendendosi riconoscibile, perché il titolare del locale avrebbe rincarato la dose proponendogli “di andare a fare un test antidroga”. Secondo l’accusa quelle frasi oltraggiose furono pronunciate in un locale pubblico alla presenza di altre persone e l’istruttoria aveva provato la sussistenza del reato perché anche uno dei testimoni di difesa aveva riferito di aver sentito l’amico pronunciare la frase sull’uso di stupefacenti da parte del Carabiniere. Per questo nelle conclusioni il pubblico ministero ha chiesto la condanna dell’imputato a cinque mesi di reclusione. Richiesta respinta dalla difesa: una volta chiuso al pubblico, il locale era di fatto una dimora privata e quella era una cena fra amici. In questo senso anche la richiesta del green pass era fuori luogo, così come insussistente il reato di oltraggio che richiede di essere consumato in luogo pubblico. Una conclusione che non ha trovato d’accordo il giudice che ha invece accolto la richiesta dell’accusa condannando l’uomo a nove mesi di reclusione.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente