La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 19 luglio 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Un tour ad anello in bici con partenza da Fossano

Percorso medio-facile tra campagne e paesi che tocca Salmour, Bene Vagienna, Carrù, Trinità, Sant’Albano Stura

La Guida - Un tour ad anello in bici con partenza da Fossano

Bene Vagienna Con la bella stagione è sempre bello andare in bici. La proposta è un tour ad anello medio-facile fra le campagne del Fossanese. Da Fossano a Bene Vagienna su strade secondarie da percorrere in sella alla bici attraversando paesi e borghi ricchi di storia, tradizioni e ottimo cibo. Il percorso da affrontare è di 55 km circa con un dislivello di 390 metri. Si tratta di un itinerario circolare con partenza e arrivo allo stesso punto. 

Il percorso parte da Fossano, dal piazzale di fronte alla stazione, e si dirige verso Salmour. Dal piazzale, si imbocca via Cavour, alla rotonda si prosegue per un tratto dritto e poi si volta a destra in viale Martiri dell’Indipendenza. Si passa proprio vicino al Castello dei Principi d’Acaja, uno dei monumenti simbolo di Fossano. Il castello dei Principi d’Acaja è un edificio storico, si staglia maestoso nell’omonima piazza della città, caratterizzandone il panorama urbano. All’incrocio, proseguire dritto su via Craveri fino al termine della strada dove si gira verso destra imboccando via Narzole. Una breve discesa porterà fuori dal centro di Fossano su via Salmour, dal fondo abbastanza regolare. Si percorre tutta, per circa 6 km, prima di raggiungere Salmour, piccolo borgo dalla storia antica risalente all’inizio del X secolo, quando l’imperatore Ludovico III donò questo territorio al Vescovo di Asti. 

Attraversato Salmour, proseguire sempre su via Narzole, oltrepassare la frazione Sant’Antonino e raggiungere Narzole, dopo circa 8 km. All’incrocio, girare a sinistra in via Umberto I e svoltare alla prima strada che si incontra a destra. Da qui inizia l’itinerario storico-archeologico, che attraverso le campagne porta fino a Bene Vagienna, antica Augusta Bagiennorum. Qualche chilometro prima del centro abitato sulla tua destra si possono ammirare, all’interno della Riserva naturale speciale di Bene Vagienna, i resti del teatro e dell’anfiteatro risalenti all’epoca Romana. Il percorso archeologico è lungo circa 800 m ed è supportato da una serie di pannelli didattici sia generali (cartografia degli scavi, storia) che specifici (descrizione degli edifici romani più significativi). La doppia denominazione della città romana, Augusta Bagiennorum, rimanda alla storia delle sue origini: si tratterebbe infatti di un centro sorto nel territorio dei Liguri Bagienni in cui si sarebbe sovrapposta una colonia fondata in epoca augustea, intorno al 25 a.C. Il suo territorio si estendeva tra la Stura di Demonte e il Tanaro e i suoi cittadini erano censiti nella tribù Camilia. Sarebbe stata, pertanto, una città caratterizzata da stanziamento sparso e non accentrato in città, come sembrerebbe peraltro dimostrato dalle sue modeste dimensioni. Era collegata tramite la via della valle Tanaro ad altre due città di più antica fondazione, Pollentia (Pollenzo) e Alba Pompeia (Alba), con le quali condivise circa tre secoli di vita fiorente. 

Raggiunto il centro di Bene Vagienna, alla rotonda proseguire su via Carrù: circa 10 km di strada asfaltata, dal fondo abbastanza regolare in leggera salita, prima di raggiungere Carrù. Al bivio svoltare a destra e alla rotonda, che si trova dopo aver percorso poche centinaia di metri, svoltare alla prima a destra e proseguire in direzione Trinità di Fossano. Prestare attenzione, in quanto sono per la maggior parte strade mediamente trafficate. Raggiunta e attraversata Trinità, proseguire verso Sant’Albano Stura: giunti al bivio svoltare a destra e prendere via Circonvallazione Barbero. Dopo qualche chilometro, immettersi in via Mondovì e risalire un breve tratto fino a ritornare alle porte di Fossano. Alla rotonda proseguire dritto e svoltare alla prima strada a destra, via Nazario Sauro. Alla rotonda successiva, svoltare a destra, oltrepassare il cavalcavia e svoltare a sinistra percorrendo via Giuseppe Verdi fino al parcheggio, punto di arrivo del tour.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente