La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 aprile 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il Pd in Piemonte: ponti con 5Stelle, Azione e Italia Viva per un’alternativa alla destra e primarie

Il segretario Domenico Rossi "Un errore non aver ancora aperto un tavolo di confronto: i piemontesi meritano di avere un'alternativa credibile"

La Guida - Il Pd in Piemonte: ponti con 5Stelle, Azione e Italia Viva per un’alternativa alla destra e primarie

Torino – Dopo una lunga segreteria regionale del Pd a Torino avvenuta ieri sera lunedì 9 ottobre, arriva l’appello per un’apertura dal Movimento 5 Stelle, Azione e Italia Viva per le prossime elezioni regionali. E la proposta di procedere alle primarie per la scelta del candidato presidente. Oggi in ballo sono il vice presdiente del consiglio regionale Daniele Valle e la parlamentare cuneese Chiara Gribaudo. L’appello è del segretario regionale Domenico Rossi mentre annuncia che il 27 ottobre si terrà di direzione del partito per definire i passaggi e l’agenda politica dei prossimi mesi che portano alle elezioni europee, regionali e amministrative.

Dice Rossi: “Autonomia e corresponsabilità saranno le parole chiave per il Pd piemontese che, alla luce dei sondaggi e delle richieste della segreteria nazionale, continuerà a dialogare con tutti i livelli in gioco. Noi continuiamo, sia a livello nazionale sia a livello locale, a sostenere che la partita è aperta e che abbiamo il dovere di costruire le condizioni dell’unità: ci proviamo da mesi insieme alle altre forze di centro-sinistra. Ci auguriamo che si apra una fase nuova con le altre forze politiche e che arrivi un’apertura dal Movimento 5 Stelle, Azione e Italia Viva sulla scia di quanto avvenuto nelle altre regioni. Credo sia un errore che in Piemonte non si sia ancora aperto un tavolo di confronto; i piemontesi meritano di avere un’alternativa credibile”.
E continua “Se il tempo serve ad aprire nuovi scenari ben venga. Ma servono dei messaggi chiari. Gli appelli vanno rivolti a quelle forze politiche che fino ad oggi hanno deciso di non rispondere agli inviti del PD e della coalizione di centro-sinistra. Mi auguro che nei prossimi giorni si manifesti una disponibilità nuova a partire dai programmi e da una visione condivisa del Piemonte, non dai nomi. Se accadrà saremo i primi ad esserne contenti e faremo la nostra parte, fino in fondo, per mandare a casa la destra. Per farlo dobbiamo trovare il modo di parlare all’elettorato più ampio possibile”.*
Per Rossi le primarie continuano ad essere lo strumento giusto: “Le primarie sono uno strumento di allargamento e apertura straordinario. Non possiamo usarle per scegliere i coordinatori di circolo per poi accantonarle quando dobbiamo scegliere le più alte cariche monocratiche. La statuto del PD è molto chiaro su questo. Per non passare dalle primarie serve una larghissima maggioranza negli organismi. Ovvero, come ripeto da tempo: o c’è condivisione su un nome oppure si fanno le primarie. Ad oggi non ci sono le condizioni per evitarle. Vedremo nelle prossime settimane”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente