La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 17 giugno 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Racconti e figurazioni della forza primigenia dell’Eros

Domenica 10 settembre si apre la mostra dell'artista cuneese Romina Mandrile alla Fondazione Peano

La Guida - Racconti e figurazioni della forza primigenia dell’Eros

Cuneo – S’inaugura domenica 10 settembre alle ore 18 “Eros”, la personale di Romina Mandrile a cura di Alessandro Abrate alla Fondazione Peano di corso Francia.
Opere di repertorio e anche alcune inedite legate al tema dell’amore: “un percorso fatto di racconti, figurazioni e presenze in cui il corpo, femminile, maschile, divino o semi divino, assume un rilievo protagonista, corpi che si adattano, trasformano: e sono manichini, frammenti, sezioni, icone, totem affioranti come da una memoria profonda, da un tentativo di avvicinarsi a quell’armonia universale, ancestrale che fa muovere il cosmo, gli astri, ed è vita. L’esposizione, composta da tele e installazioni scultoree, rielabora suggestioni dal Mito indagando la forza primigenia dell’Eros inteso come elemento che gioca con gli equilibri universali, oltrepassando i limiti del tempo e le regole dello spazio, senza condizionamenti, smuovendo e facendo vibrare le più riposte corde dei sensi”.
Nelle opere di Romina Mandrile, accanto la statuaria classica si manifesta la metafisica, poi il fascino del Manierismo con colori a contrasto, che vibrano e sguardi non esenti da certe fascinazioni filtrate dal Simbolismo, fino ad un senso divertito che conduce a Matisse, mentre simmetrie speculari e un calibrato codice di segni sembra guardare a Giacomo Balla. omina Mandrile, sensibilmente attratta da certi momenti della storia dell’arte, da opere e autori, visti, assimilati, percepiti non gioca con citazioni, semmai la sua ricerca conduce verso personali interpretazioni di temi e soggetti. Campiture piatte, contorni, esplicite applicazioni grafiche, assenza di sfumature, essenzialità vanno comunque verso un’unica direzione che altro non è se non ricerca di armonia, di bellezza, e anche di gioia.

“La mia poetica riguarda il corpo umano nei suoi elementi costitutivi, essenziali, raccontato attraverso la ricerca di riduzione geometrica, di semplificazione formale, di frammentazione reiterata, che giunge ad esiti minimalisti. Mi affascina la ricerca dell’elemento simbolico, impresso nella memoria collettiva, e dunque l’arte che ha privilegiato il ricorso al codice, al simbolo: arte primitiva, romanica e medievale, e più vicino a noi, Pop Art, Minimalismo, Street Art. Amo i segni esoterici, gli alfabeti, le decorazioni geometriche, i mosaici, la calligrafia delle lingue orientali. Ricerco l’unione tra l’elemento figurativo del corpo e la decorazione aniconica del mondo islamico, rendendo ambiguo il rapporto figura-sfondo. In passato ho imparato l’arte delle icone ortodosse, e anche le immagini sacre mi affascinano, tanto che sto lavorando anche a una serie di figure femminili di Sante martiri, sempre indagate a partire dal corpo velato o svelato, dalla scansione delle superfici attraverso pattern geometrici e colori brillanti” screive ala stessa Romina Mandrile.

La mostra, aperta dal giovedì alla domenica dalle ore 16 alle ore 19 con ingresso libero e gratuito, è visitabile fino a domenica 8 ottobre.

Romina Mandrile Allure, hortus, 2023, particolare

Romina Mandrile Allure, hortus, 2023, particolare

Romina Mandrile

Romina Mandrile

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente