La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 14 aprile 2024

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Tra Passatore, San Pietro del Gallo e Cerialdo troppi incidenti, lettera aperta dei quartieri

I comitati dei tre quartieri si rivolgono alla sindaca di Cuneo e alla Provincia per installare autovelox, attraversamenti pedonali e pista ciclabile

La Guida - Tra Passatore, San Pietro del Gallo e Cerialdo troppi incidenti, lettera aperta dei quartieri

Cuneo – Ci sono troppi incidenti, la strada è pericolosa, c’è bisogno di un rilevatore di velocità a 70 km/h e di aggiustamenti sulla strada: questo il contenuto della lettera indirizzata a Patrizia Manassero (sindaca di Cuneo) e Luca Robaldo (presidente della Provincia) e firmata dai comitati di quartiere di Cerialdo, Passatore e San Pietro del Gallo.

La sollevazione arriva all’indomani dell’ultima vittima della strada: l’agricoltore 28enne Andrea Riba, che in bici è stato investito da un’auto.

“La molteplicità degli incidenti avvenuti su questo tratto di strada, – si legge nella lettera – porta quantomeno a domandarsi se non sia opportuno procedere nel minor tempo possibile a prendere dei seri provvedimenti.”

Gli strumenti messi in campo fino ad ora non sarebbero sufficienti: “in ingresso degli abitati di Passatore e San Pietro del Gallo sono stati posizionati dei totem, addetti al posizionamento dell’autovelox, ma i rilevamenti vengono fatti molto di rado. Nel concentrico di Cerialdo è stata realizzata da poco una rotatoria, che sicuramente contribuisce in quel tratto a ridurre la velocità e a San Pietro del Gallo è stato inserito uno spartitraffico con semaforo.”

“Non sarebbe opportuno a questo punto l’installazione di un rilevatore di velocità permanente H24 con limite dei 70 chilometri orari fuori dei centri abitati, la segnalazione luminosa in ingresso dei centri abitati, la realizzazione degli attraversamenti pedonali su sfondo rosso, la realizzazione di una pista ciclabile per l’intero tratto, o almeno l’asfaltatura dei bordi strada, così da mettere quantomeno i ciclisti ed i pedoni in sicurezza?”

Argomenti, tutti questi contenuti nel documento, che non sono nuovi per le amministrazioni pubbliche: “i problemi della pericolosità di questa strada provinciale erano già stati evidenziati dai rispettivi comitati di frazione in occasione degli incontri tra la popolazione e l’amministrazione comunale. Ci rivolgiamo pertanto alle amministrazioni provinciale e comunale affinchè prendano in tempi rapidi le dovute decisioni per ridurre al minimo la probabilità di incidenti”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente